Uefa Futsal Cup, tre motivi per vedere Barcellona-Luparense

Su Fox Sports Plus torna il calcio a 5 con la Uefa Futsal Cup: la Luparense sfida il Barcellona per il primato del girone. Un'italiana non batte una spagnola dal 2009.

Il Barcellona sfiderà la Luparense nella Uefa Futsal Cup

443 condivisioni 6 commenti

di

Share

Nel giorno in cui è possibile farsi una scorpacciata di calcio senza precedenti (tra Roma-Napoli e Atletico Madrid-Barcellona c'è l'imbarazzo della scelta), guardare Barcellona-Luparense di futsal potrebbe sembrare un azzardo. Dopo le finali scudetto, il calcio a 5 torna su Fox Sports Plus (sabato, ore 20.30) per l'ultima giornata del Main Round di Uefa Futsal Cup, il girone preliminare della Champions League dello sport con il pallone a rimbalzo controllato.

Entrambe le squadre, già qualificate all'Elite Round, ultimo ostacolo prima della Final Four, vogliono chiudere in bellezza. Il Barcellona è in testa alla classifica a punteggio pieno, grazie alle vittorie contro gli ungheresi del Gyor e i cechi del Chrudim (nove gol fatti e zero subiti). La Luparense, invece, ha esordito con un pari e battuto giovedì 5-0 il Gyor.

Per il primato nel girone, dunque, serve una vittoria a tutti i costi, che i Lupi proveranno a ottenere di fronte al proprio pubblico, nella Kioene Arena di Padova. Ecco tre motivi per guardare Barcellona-Luparense.

Uefa Futsal Cup, tre motivi per vedere Barcellona-Luparense

1) Més que un club

Più che un club, il Barcellona è una grande famiglia. Uno stile di vita, anche nel futsal. Sugli spalti del Palau Blaugrana, impianto da 8500 posti dove giocano anche le squadre di pallacanestro, pallamano e hockey su pista, capita spesso che sia presente Piqué, o addirittura che giochi una partita. Come quella famosa del 2012, quando i giocatori di calcio scesero sul parquet in un incontro benefico che vedeva protagonisti gli amici di Guardiola contro quelli del compianto Villanova.

Negli ultimi dieci anni, il calcio a 5 è risultato lo sport della polisportiva Barcellona più in espansione di tutti, superando gli spettatori di pallacanestro e pallamano. Entusiasmo che è derivato dalle numerose vittorie che il club ha ottenuto nelle ultime stagioni: fondato nel 1984, dal 2010 a oggi ha conquistato complessivamente 11 titoli nazionali, più due Uefa Futsal Cup, vinte nel 2012 e 2014. La squadra, però, dopo quattro partecipazioni consecutive, non giocava in Europa da due anni, complice la supremazia dell'Inter, altra superpotenza spagnola.

In estate ha rinforzato il roster riportando in Spagna un top player come Esquerdinha e può contare su giocatori di assoluto valore come il portiere Paco Sedano, Aicardo e Mario Rivillos (tutti e tre nazionali spagnoli). Senza dimenticare i ragazzi cresciuti nella cantera: Tolra, Roger e Joselito. Sì, il Barcellona è una squadra illegale. 

2) Davide contro Golia?

Il Barcellona è una squadra illegale, ma c'è un però. Ed è la Luparense, che ha sede a San Martino di Lupari, comune di tredicimila abitanti in provincia di Padova, la seconda città più piccola di tutta la Serie A di futsal. Considerati gli oltre tre milioni e passa del capoluogo della Catalogna, è una sfida tra Davide contro Golia. Ma solo in questo caso. Perché i Lupi sono la squadra più titolata d'Italia, visti i sei scudetti vinti negli ultimi dieci anni, e hanno una forte influenza iberica. Dei 15 allenatori che si sono seduti sulla panchina del club, otto parlavano spagnolo. L'ultimo David Marin, che al primo anno ha conquistato lo scudetto ed è stato riconfermato a pieni voti. Come il suo Atletico Madrid nel calcio, di cui è tifoso, anche lui proverà sabato a battere il Barcellona. E lo farà mandando in campo giocatori come Honorio, la bandiera del club, Taborda, campione del mondo in carica con l'Argentina (come Cuzzolino) e Betao, pivot che ha già vinto la Uefa Futal Cup. L'esperienza non manca, la fame - da Lupi - anche.

La Luparense festeggia il sesto scudetto

3) Un'impresa che manca da 8 anni

Sì, battere il Barcellona sarebbe una vera impresa. L'ultima squadra italiana a vincere contro una spagnola fu proprio la Luparense, che nel 2009 si impose contro El Pozo Murcia 5-4, centrando per la prima volta nella storia la qualificazione alla Final Four di Uefa Futsal Cup. Due stagioni fa, il Pescara (altra italiana impegnata nel Main Round, basterà un pareggio contro i russi della Dynamo per superare il gruppo 1) venne battuto 4-2 dall'Inter di Ricardinho. Anche stavolta, i favori del pronostico sono tutti per la squadra spagnola, ma guai a dar per vinta la Luparense. La squadra più titolata d'Italia vuole dimostrare di essere grande anche in Europa.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.