FIFA 18, Khedira se la prende (Mario, calmo!) e Messi raggiunge CR7

Nel mondo di FIFA 18 possono succedere molte cose: c'è chi si lamenta (vero Khedira?) e chi come Messi raggiunge Cristiano Ronaldo.

Fifa 18, Khedira se la prende con EA Sports, e Messi...

1k condivisioni 10 commenti 3 stelle

di

Share

Nel meraviglioso mondo di FIFA 18 il realismo è tutto, l'immersione totale nell'atmosfera del gioco più bello del mondo è una priorità della versione della simulazione calcistica più famosa del mondo targata EA Sports. Gli stadi urlano ai gol, l'adrenalina dei gamers cresce, le trattative si fanno stringenti, le strette di mano sempre più reali, concrete, filmiche. Ma non è tutto oro quello che luccica. 

EA Sports deve anche fronteggiare qualche critica: il dualismo con PES resta, alcuni fan si sono concentrati su alcuni bug o imperfezioni, con una robusta patch a dimostrazione di quanto ci fosse da limare, correggere, rivedere. Qualcosa deve essere sfuggito, nel mare di giocatori, giocate, possibilità che FIFA 18 regala ai suoi utenti. Qualcosa che non è sfuggito agli appassionati. Avete mai sognato di essere su FIFA 18? E se il vostro aspetto non fosse proprio del tutto somigliante alla realtà (Mario calmati)? 

In particolare i giocatori della Serie A non sono del tutto fedeli (anche una questione di licenze): la particolarità di questa storia riguarda proprio la Juventus, club presente sin dalla versione di prova del gioco. In particolare ad uno dei giocatori più rappresentativi, Sami Khedira (sperando non lo dica a Mario Mandzukic). Ma non capita solo questo nel mondo di FIFA 18: e se vi dicessimo che EA Sports ha scelto il migliore del mondo? O meglio, non lo ha scelto?

FIFA 18  tra le lamentele di Khedira e la grande scelta

Può succedere che un gioco votato al realismo assoluto pecchi proprio nel realismo stesso? O è l'attesa del realismo il realismo stesso? Comunque, al di là della filosofia spicciola, a volte capita perfino a FIFA 18 di prendersi qualche piccola, ironica critica. Anche illustre. Perfino in pubblica piazza. La EA Sports ha fatto della connessione con i giocatori del mondo reale uno dei punti di forza della campagna di comunicazione e lancio del suo gioco. Peccato che stavolta a lamentarsi sia un giocatore di caratura internazionale, anche se il tweet in questione è piuttosto bonario, ovviamente. Era già successo a Mendy, non proprio d'accordo con la sua valutazione.


Stavolta il tweet viene dall'Italia, da Torino. A cinguettare è Sami Khedira, che non si lamenta dei suoi parametri ma punta il dito contro il fattore squisitamente estetico: dopo aver pagato profumatamente barba e capelli, il problema sarebbe proprio la chioma presente nel gioco.  

"Ho tagliato i capelli almeno due anni fa...", ironizza il tedesco (Mario, sì, è tanto tempo, certo!). E non è l'unica cosa ironica che accade nel fantastico mondo di FIFA 18: cosa succederebbe se il giocatore scelto per la copertina del gioco, all'improvviso, non fosse più il migliore del mondo? Chiedere a Cristiano Ronaldo: la tripletta di Messi non è servita solo a regalare all'Argentina la qualificazione a Russia 2018. Gli ha regalato anche la valutazione 94, raggiungendo sul podio proprio CR7. 

Fifa 18, Messi raggiunge Cristiano Ronaldo
Messi raggiunge Cristiano Ronaldo, ma non è l'unico a cambiare valutazione in Fifa 18

Oltre al caso di Messi, la valutazione fluttua verso l'alto anche per Salah: l'ex Roma ha regalato all'Egitto, grazie al suo rigore allo scadere, il pass per i Mondiali. Salgono anche Sigurdsson, Waston e Torres. Tutti e 3 sono stati protagonisti della qualificazioni, perfino eroiche, di piccole nazioni (Islanda, Costa Rica e Panama) alla competizione più importante. Il loro rating è aumentato, non dovrebbero esserci problemi: la speranza è che nessuno si lamenti del look, stavolta. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.