Qualificazioni Mondiali, accuse dal Cile: biscotto tra Perù e Colombia?

Nel finale di Perù-Colombia i giocatori in campo, Falcao in primis, hanno iniziato a parlarsi con la mano davanti alla bocca.

986 condivisioni 56 commenti

Share

Perù-Colombia hanno cucinato un bel biscotto. In Cile ne sono convinti, la mancata qualificazione ai Mondiali è anche colpa dei cafeteros e degli andini. E poco importa se Alexis Sanchez&co. sono stati sconfitti 3-0 da un Brasile già in Russia, in questi casi è consuetudine incolpare gli altri invece di guardare in casa propria e fare autocritica. Ma cos'è successo nei minuti finali di Perù-Colombia?
Al 76' Guerrero ha risposto a James Rodriguez firmando l'1-1, risultato che permetteva alla Colombia di qualificarsi direttamente e al Perù di disputare il playoff contro la Nuova Zelanda. Con questo parziale a rimaner fuori sarebbe stato il Cile, e così è andata. Mentre il cronometro avanzava inserabilmente verso il 90', i giocatori in campo hanno iniziato a parlottare tra di loro. 
Tra i più attivi Falcao, inquadrato dalle telecamere mentre avvicinava uno ad uno i difensori avversari. Ma non è stato l'unico a sapere il risultato del Cile (perdeva 2-0, ma col 2-1 sarebbe passato) e a capire quindi che l'1-1 andava bene a entrambe. I secondi finali sono scivolati via tra conversazioni con le rispettive panchine, possessi palla sterili e neanche l'ombra di un'occasione da gol. Scenari già visti e rivisti. Al Cile restano le polemiche, alla Colombia la qualificazione e al Perù un pass per i playoff. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.