La stagione di Cristiano Ronaldo

CR7 ha appena conquistato con il suo Portogallo l'accesso diretto ai prossimi Mondiali. Ma è solo l'inizio: ha solo preso la rincorsa per un 2018 da protagonista tra Spagna e Russia.

Cristiano Ronaldo, miglior marcatore nella storia del Portogallo

805 condivisioni 12 commenti 5 stelle

di

Share

Nella serata in cui si è limitato a una serata da comprimario, lasciando la scena a Bernardo Silva e William Carvalho, trascinatori nel 2-0 contro la Svizzera, Cristiano Ronaldo ha festeggiato con il suo Portogallo la vittoria del gruppo B e il pass da prima della classe per Russia 2018. Una festa "sporcata" solo in minima parte dal sorpasso incassato da Robert Lewandowski in vetta alla classifica cannonieri delle qualificazioni mondiali: 16 centri per il polacco, 15 per CR7. Chi conosce bene il 32enne di Funchal, però, sa che gioca per la squadra ma anche per i suoi numeri, i suoi record.

Great team effort! Thank you all for your support. Russia, here we come!!👍🏽🇵🇹

A post shared by Cristiano Ronaldo (@cristiano) on

Anche nella serata in cui non ha brillato, Cristiano Ronaldo ha fatto però parlare i dati: basti pensare che in coppia con Andrè Silva è andato a segno 24 volte nelle partite di qualificazione a Russia 2018, una in più di quanto aveva fatto l'intera Svizzera. Senza dimenticare che si tratta del più prolifico calciatore della storia con la maglia del Portogallo, a quota 79 centri. Quasi fisiologico, dopo una cavalcata in Nazionale che era partita dalla vittoria di Euro 2016, con finalissima condizionata dall'uscita dal campo per infortunio, che nella notte di Lisbona potesse concedersi una serata da Normal One.

Per raccontare CR7 sarebbe sufficiente un singolo dato, già di per sé al limite della fantascienza: con il Real Madrid ha realizzato più gol rispetto alle presenze collezionate. Le partite disputate sono 401 e le marcature 411 (anche se Marca e lo stesso club spagnolo gliene riconoscono 412). Eppure la sua stagione non è ancora decollata del tutto.

Cristiano Ronaldo tra Liga, Champions League e Mondiale

A 32 anni e con una Liga e una Champions League (la quarta in carriera) conquistate pochi mesi fa, l’attaccante partito da Madeira alla conquista del mondo non vuole proprio saperne di fermarsi. Se parliamo di Cristiano Ronaldo parliamo di fame, ambizione e ansia. Per lui non esistono partite semplici: gioca per la squadra, ma anche per migliorare i suoi primati personali. La prossima fermata? Il Pallone d'Oro 2017. Cristiano ne ha già quattro in bacheca ed è favorito per bissare il successo del 2016: se dovesse risultare in cima alle preferenze nella giuria di France Football, conquisterebbe il riconoscimento per la quinta volta in carriera agganciando Lionel Messi in vetta all'albo d'oro

Un dato clamoroso del Cristiano Ronaldo edizione 2017/2018 c'è: è infatti ancora a secco di reti in Liga. Le presenze, a causa della squalifica di cinque turni rimediata in occasione della finale di andata della Supercoppa di Spagna contro il Barcellona, sono state appena 3: leggere però il numero 0 alla voce "gol realizzati" fa un certo effetto. Le reti con il Real Madrid in stagione sono 5, di cui 4 in Champions League e una in Supercoppa di Spagna. Messi, a quota 14 di cui 11 in campionato, è distante 9 lunghezze. Dettagli che incidono nei 7 punti di vantaggio della squadra blaugrana, oggi prima in classifica, rispetto alle Merengues: un motivo in più per aumentare i giri nel motore in vista del Clasico che pochi giorni prima di Natale vedrà il Barcellona ospite al "Bernabeu".

Cristiano Ronaldo, attaccante del Real Madrid
Cristiano Ronaldo in Real Madrid-Espanyol: è ancora a secco di reti nella Liga 2017/2018

Tracciare una lista dei record stabiliti da Cristiano Ronaldo è complicato, in particolare per la loro lunghezza. CR7 vanta una serie di primati, alcuni in solitaria, altri in condivisione con altre stelle, mai vista nella storia del calcio. Occorre scavare nei ricordi per le 68 reti in 62 sfide disputate da Gerd Müller con la maglia della Germania o le 352 reti in 341 presenze messe a segno da Ferencs Puskas con l’Honved, in Ungheria. Inoltre, è diventato il miglior marcatore nelle semifinali di Champions League superando un monumento come Alfredo Di Stefano (13 gol contro 11) ed è l'unico calciatore della storia ad aver segnato almeno 10 gol in un'edizione della Coppa con le orecchie per 6 stagioni consecutive. Cristiano è andato a segno almeno una volta in 4 Europei, in 3 finali di Champions League e in 3 Mondiali consecutivi. A proposito di Mondiali, dal 6 dicembre l'attaccante portoghese metterà nel mirino quello per club, in programma negli Emirati Arabi. Prove di vittoria nel 2017, con uno sguardo a Russia 2018.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.