Pirlo, il ritiro è vicino: "Alla mia età è il momento di dire basta"

A dicembre l'ex centrocampista di Milan e Juventus dirà addio al calcio giocato : "Ho troppi problemi fisici. Tornerò in Italia ma non so ancora cosa farò".

Andrea Pirlo annuncia il suo ritiro

968 condivisioni 9 commenti

di

Share

Dopo il ritiro di Francesco Totti nel maggio scorso, il 2017 ci costringerà a dire addio ad un altro degli eroi della spedizione azzurra in Germania del 2006 che ci portò alla vittoria dei Mondiali. Andrea Pirlo ha infatti annunciato che al termine di questa stagione appenderà gli scarpini al chiodo.

Il centrocampista gioca da due anni nella Major League Soccer con la maglia del New York City, e in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport ha annunciato che dopo la scadenza a dicembre del suo contratto, lascerà il calcio giocato.

In attesa di decidere quale sarà la strada che intraprenderà dopo il ritiro, Andrea Pirlo si è soffermato anche sul momento della Nazionale italiana e sul futuro in Serie A delle squadre in cui ha militato e che più gli sono rimaste nel cuore: Milan e Juventus.

Andrea Pirlo
Pirlo annuncia il ritiro

Andrea Pirlo annuncia il ritiro: "A dicembre torno in Italia"

La decisione di Pirlo di dire basta con il calcio giocato è principalmente legata alle sue condizioni fisiche che hanno costretto il regista, dopo essere stato titolare fisso nella scorsa stagione, a giocare solo 15 delle 32 partite del New York City da inizio anno. Il bresciano rimarrà nella Grande Mela fino alla scadenza del suo contratto per poi tornare in Italia.

Ti rendi conto da solo che è arrivato il momento di dire basta, hai sempre qualche acciacco e alla mia età ci sta. Rientrerò in Italia già a dicembre e farò qualcos'altro.
Nella testa del campione del mondo nel 2006 però non c'è ancora chiarezza sul suo futuro. La strada più ovvia sembrerebbe quella tracciata da molti suoi ex compagni e che porta al diventare allenatore, opzione che però non convince ancora a pieno Pirlo.
Ho delle idee, ma mi concedo tempo per decidere. Non è detto che un buon giocatore sia sempre un buon allenatore. Deve scattarti la scintilla e me non è ancora successo. Dopo 25 anni di calcio starò un po' a casa con la famiglia.
Inevitabile il commento sulla Nazionale di Ventura che nonostante sia ufficialmente qualificata ai playoff per la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, è al centro delle critiche per via del pessimo livello di gioco mostrato nelle ultime partite del girone.

Con la Macedonia si sentiva la tensione e ne è uscita una gara confusionaria e con poche idee. Ventura aveva fatto delle prove discrete con il 3-5-2 di Conte, poi con il cambio di modulo è andata così così.

Infine Pirlo ha parlato delle ultime due squadre italiane in cui ha militato prima di volare negli Stati Uniti, cioè Milan e Juventus: secondo il centrocampista c'è bisogno ancora di tempo per i rossoneri, mentre vede la Vecchia Signora ancora favorita per lo Scudetto.

Mi auguro non esonerino Montella: ha una squadra nuova e ha bisogno di tempo e fiducia. Bonucci è il miglior difensore d’Italia e uno dei più migliori d’Europa. La Juventus ha la consapevolezza di essere la più forte, vincerà il campionato e andrà lontano in Europa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.