Sei campione? Allora non sei primo: il "virus" unisce l'Europa

Sui 20 maggiori campionati europei, solamente lo Shakthar Donetsk sfugge a questa curiosa statistica: chi ha vinto il titolo lo scorso anno, ora non è in testa.

La statistica sulla classifica dei campioni in carica dei principali tornei europei

534 condivisioni 2 commenti

di

Share

Dura la vita da campioni in carica. Sì ok, dura si fa per dire: per far svanire in un baleno l'amarezza del momento, basta dare uno sguardo alla bacheca rifornita appena qualche mese fa. Quando al primo posto nella classifica dei rispettivi campionati, però, non c'è nessuna delle vincitrici della scorsa stagione, la questione si fa assai più curiosa. Ecco che allora la sosta di ottobre ci regala una coincidenza difficilmente ripetibile.

È come se un virus avesse colpito le regine d'Europa, ragionano i portoghesi del Diario de Noticias: dalle loro parti, il Benfica sembra sentire il peso dei quattro titoli consecutivi e arranca al terzo posto, dietro Porto e Sporting Lisbona.

Ma come le Aguias di Lisbona, anche top club assoluti come Real Madrid, Bayern Monaco, Juventus e Chelsea stanno lasciando (almeno per il momento) l'onore e l'onere del primo posto alle loro rivali. E questo capita in ben 19 delle 20 maggiori leghe del Vecchio Continente: praticamente, un en plein. D'altra parte, l'eccezione che conferma la regola doveva pur esserci: è lo Shakhtar Donetsk, campione d'Ucraina e attuale capolista.

Se detieni il titolo, non sei primo in classifica: è l'Europa, bellezza

Se non abbiamo esordito con una premessa tanto evidente quanto doverosa, lo facciamo ora: questo 19 su 20 può svanire già a partire dalla prossima giornata. È come un piccolo fotogramma di quel lungo film che è la stagione calcistica europea. Come tale va preso, ma è un dato così insolito che vale la pena affrontare nel dettaglio.

Lo Shakhtar Donetsk è l'unica, tra i 20 maggiori campionati europei, a essere prima in classifica
Lo Shakhtar Donetsk, l'unico campione in carica attualmente primo in classifica

Shakhtar a parte, come anticipato, ogni campione in carica della Top 20 europea si sta prendendo una "vacanza" dal prestigioso e ingombrante ruolo della capolista. Capita anche ai migliori: il Real Madrid, campione sia di Spagna che d'Europa, si trova dopo sette giornate al quinto posto in classifica e con 7 punti sul groppone da recuperare sul Barcellona. Ben poca cosa, a confronto, le due lunghezze che separano la Juve dal Napoli: galeotto fu il pareggio in casa dell'Atalanta, il primo mezzo passo falso dei bianconeri dopo le sei vittorie consecutive d'inizio campionato.

Carlo Ancelotti esonerato dopo aver vinto la Bundesliga lo scorso anno
Carlo Ancelotti ha lasciato il Bayern Monaco alle spalle di Borussia Dortmund e Hoffenheim

Non vi lamenterete mica, sembra esclamare il Bayern Monaco: cinque punti di distacco dal Borussia Dortmund e il clamoroso benservito a Carlo Ancelotti, condizionato anche dalla figuraccia in Champions League contro il PSG. Proprio Neymar e compagni, in Francia, hanno tutta l'intenzione di riprendersi quello che il Monaco gli ha tolto lo scorso anno: tre i punti di vantaggio sui monegaschi dopo otto giornate. Tranquilli, non ci siamo dimenticati l'Inghilterra: dopo il colpaccio al primo anno sulla panchina del Chelsea, Antonio Conte è costretto ora a inseguire non solo il duo in testa Manchester City e Manchester United, ma anche il Tottenham.

Antonio Conte, campione in carica della Premier League e ora quarto in classifica
Antonio Conte e il suo Chelsea guardano dal basso le due di Manchester e il Tottenham

Per quanto riguarda gli altri campionati, il caso più esemplare è quello dello Spartak Mosca: la formazione di Massimo Carrera è sesta a undici punti dallo Zenit di Roberto Mancini. Questo circolo insolito, che ha come soci campioni in carica un po' balbettanti, include poi squadre come il Feyenoord (secondo dietro il PSV) o l'Anderlecht: dopo aver festeggiato il 34° titolo belga, i bianco-malva sono addirittura settimi in classifica, a nove punti dal Bruges capolista. Insomma, ce n'è per tutti i gusti: i detentori di tutta Europa hanno preso il raffreddore, praticamente all'unisono. Se volete scoprire la cura, meglio chiedere allo Shakhtar.

La situazione nei 20 maggiori campionati europei (in ordine di ranking UEFA)

Le 20 maggiori leghe europee
Sono 19 su 20 i campioni in carica che non si trovano attualmente al primo posto

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.