Serie B, Coulibaly sogna con il Pescara: "Con Zeman sto migliorando"

Il giovane centrocampista senegalese parla in conferenza stampa del suo rapporto con l'allenatore boemo: "Con lui sto crescendo sia mentalmente che tatticamente".

Serie B, Coulibaly parla del Pescara di Zeman

401 condivisioni 2 commenti

di

Share

La storia di Mamadou Coulibaly è sicuramente una delle più belle della scorsa stagione: il ragazzo senegalese è arrivato in Italia dopo un lunghissimo viaggio dal Nordafrica all'Europa ed è riuscito ad esordire in Serie A col Pescara a 18 anni appena compiuti.

Partito dal suo paese natale per arrivare in Marocco, Coulibaly attraversò il Mediterraneo su un barcone per approdare clandestinamente in Spagna e poi Francia. Dopo alcuni mesi passati fra Marsiglia e Grenoble, il classe 1999 arrivò in Italia, a Livorno, dove fu notato da Marino Camaioni, braccio destro del suo attuale agente Donato Di Campli. I due riuscirono ad ottenere un provino al Pescara per lui, che entrò nella primavera prima di stregare Oddo che lo fece debuttare anche nella massima serie.

Ora Coulibaly è diventato un titolare fisso della squadra abruzzese, retrocessa in Serie B, e Zeman lo ha schierato dal primo minuto in tutte le partite stagionali. Il senegalese è convinto che sotto la guida del tecnico boemo possa riuscire a migliorare e a giustificare le attenzioni che le big di Serie A gli hanno riservato in estate.

Coulibaly del Pescara
Coulibaly è convinto di poter crescere con Zeman

Serie B, Coulibaly: "Posso migliorare nel Pescara di Zeman" 

Dopo le ottime prestazioni dello scorso anno, Juventus, Inter e Milan avevano messo gli occhi su Coulibaly, ma come spesso accade quando si tratta di giovani, l'Udinese di Pozzo è arrivata prima. Il senegalese è costato 2 milioni di euro ed è rimasto in prestito al Pescara per farsi ancora le ossa in Serie B. Oggi il centrocampista è stato protagonista di una conferenza stampa e con le sue parole, riprese dal sito Forzapescara.com, ha chiarito di non pensare ai bianconeri e di voler far bene in Abruzzo.

Ogni tanto seguo l'Udinese, ma per ora penso alla mia squadra che è il Pescara e devo far bene qui. All'Udinese penserò solo dopo.

Dopo un inizio difficile, il 18enne sta pian piano trovando continuità di rendimento e questo è dovuto anche alla fiducia da parte del suo allenatore Zdeněk Zeman, che non ha mai rinunciato a lui nelle due partite di Coppa Italia e nelle prime 7 giornate di Serie B.

La partenza non è stata facile, ma l'ho superata e ora devo cercare sempre di migliorare. Le critiche sono normali, ho iniziato a giocare il vero calcio da quando sono arrivato in Italia, devo crescere tecnicamente. Non sono ancora perfetto e non lo sarò mai.

Coulibaly ha ribadito come la presenza in panchina di un maestro di calcio come il boemo possa risultare fondamentale nel suo processo di crescita, ed è consapevole di avere ancora tanto da lavorare per poter diventare un calciatore importante. Secondo il classe '99, Zeman è l'allenatore ideale per preparare un giovane ad affrontare quello che lui definisce "il vero calcio".

Zeman mi sta facendo crescere molto mentalmente, in Primavera giocavo come volevo ma in prima squadra c'è gente matura e che gioca da tanti anni di Serie B o Serie A. Il mister mi aiuta in questo e anche sul piano tattico, cerco sempre di fare quello che dice lui.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.