Argentina, Sampaoli: "Dybala pesta i piedi a Messi"

Alla vigilia del match decisivo contro il Perù, il ct dell'Argentina conferma la sua opinione sulla scarsa compatibilità delle due stelle.

1k condivisioni 28 commenti 4 stelle

di

Share

I paragoni tra Paulo Dybala e Leo Messi sono affrettati, forse mirati a generare un po' di chiacchiere su giornali, tv e social network, e presumibilmente destinati ad appassionare solo sulla carta, visto che sul campo sarà difficile per il bianconero (e per chiunque altro) anche solo avvicinarsi alle gesta della Pulce. Ed è nostra opinione che non aiutino nessuno, men che meno Dybala stesso.

Eppure, è innegabile che i due si somiglino. A tal punto che in molti, quando il Barcellona sembrava intenzionato a sostituire Neymar con la stella della Juventus, avevano espresso qualche dubbio sulle sue possibilità di convivenza con il tiranno Leo. Al Barça serviva qualcuno che partisse da sinistra, mentre Dybala ama le zone centrali del campo, a cui arriva spesso partendo da destra. Esattamente come Messi.

Ora, il partito dell'incompatibilità territoriale sembra poter contare su un nuovo, autorevolissimo iscritto: Jorge Sampaoli, commissario tecnico dell'Argentina. Per lui, i due si pestano i piedi a vicenda. O, più precisamente, è Dybala che pesta i piedi a Messi.

Sampaoli e l'incompatibilità tra Dybala e Messi

Leo Messi Paulo DybalaGetty
Messi e Dybala, per loro si prepara una staffetta di lungo periodo

L'ex tecnico del Siviglia ha scelto un momento curioso per esternare le sue perplessità sulla partnership tra Dybala e Messi: cioè, la vigilia del fondamentale match tra l'albiceleste e il Perù alla Bombonera, che con ogni probabilità deciderà le sorti mondiali di entrambe le squadre, al momento appaiate in classifica a quota 24 punti.

Dybala dice che per lui non è facile giocare con Messi? Non mi sembra una dichiarazione sconvolgente. Su Paulo abbiamo lavorato molto bene, sappiamo che in futuro potrà dare molto alla squadra. Sappiamo anche che al momento pesta i piedi a Messi, per cui, visto che non abbiamo molto tempo per lavorarci sopra, preferiamo puntare su di lui in futuro

Contro il Perù, dunque, non ci sarà spazio dal 1' per lo juventino, che si accomoderà in panchina a fare il tifo per i compagni di squadra (qualche chance in più, invece, per Mauro Icardi e il Papu Gomez). E, attenzione, non è una scelta solo per l'immediato - se così fosse sarebbe assurda, visto l'eccezionale stato di forma di Dybala. Quella di Sampaoli assomiglia a una decisione sul medio periodo: in altre parole, è probabile che Dybala possa restare all'ombra di Messi, cioè in panchina, anche durante quei Mondiali che l'Argentina deve ancora conquistarsi. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.