Cristiano Ronaldo, Pallone d'Oro venduto all'asta per beneficenza

Il portoghese ha venduto all'asta la replica del riconoscimento ottenuto nel 2013: l'intero ricavato è stato devoluto in beneficenza.

2k condivisioni 77 commenti

di

Share

Impegno nel sociale con la stessa attenzione con la quale ogni giorno allena il suo corpo e migliora la sua tecnica personale. Cristiano Ronaldo torna a far parlare sé e non per meriti sportivi. Nelle ultime ore è rimbalzata la notizia che il portoghese ha venduto all'asta la fedele replica del Pallone d'Oro conquistato nel 2013, il secondo della sua carriera e il primo dei 3 ricevuti da quando veste la maglia del Real Madrid. Lo ha fatto in occasione di un evento organizzato dalla stessa associazione che ha ricevuto poi l'incasso.

La notizia non è la scelta del giocatore di privarsi di un premio così importante, l'attenzione va posta su chi ha ricevuto i soldi ricavati dal fortunato che se lo è aggiudicato: Cristiano Ronaldo ha infatti deciso di devolvere in beneficenza tutti i 600 mila euro incassati dalla vendita del Pallone d'Oro

L'organizzazione in questione è la Make-A-Wish, che si occupa di fornire assistenza ai bambini malati terminali e alle rispettive famiglie che non possono permettersi le cure necessarie per la loro patologia. Ad acquistare la replica del Pallone d'Oro di Cristiano Ronaldo è stato Idan Ofer, l'uomo più ricco di Israele. 

Cristiano Ronaldo e i suoi 4 Palloni d'Oro

Cristiano Ronaldo, Pallone d'Oro all'asta per scopi benefici

La scelta presa dall'asso del Real Madrid ha stupito non solo i tifosi ma la gran parte della stampa spagnola e internazionale. Solitamente chi ha la fortuna di aggiudicarsi un premio come il Pallone d'Oro regala la replica al proprio club di appartenenza in segno di riconoscimento. In questo caso invece è stato lo stesso giocatore a specificare sin da subito la volontà di poter aiutare l'associazione sopracitata, devolvendo il 100% del ricavato.

Non c'è solo Cristiano Ronaldo però ad aver fatto notizia per scopi puramente benefici: anche Mourinho e Guardiola, allenatori rispettivamente di Manchester United e Manchester City, hanno dato la loro disponibilità per incontrare durante un incontro di box tenutosi a Manchester chiunque avesse pagato una certa somma di denaro. Denaro che ovviamente sarebbe poi stato devoluto in beneficenza. 

Cristiano Ronaldo e il suo 3° Pallone d'Oro

La somma raccolta (30 mila euro), aggiunta ai 600 mila euro accumulati dal giocatore del Real Madrid, hanno permesso alla Make-A-Wish di guadagnare ben 630 mila euro che verranno immediatamente investiti per aiutare i bambini che necessitano di cure immediate. Gesti che aiutano a riconciliarsi con il calcio. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.