Inter e Milan insieme per il Nuovo Meazza: aperto tavolo col Comune

Incontro servito per aprire il dialogo, il sindaco Sala pronto a valutare. Fassone: “Stadio moderno ormai obbligatorio”. In sei mesi i primi progetti, nerazzurri già pronti.

Inter e Milan un patto per San Siro

1k condivisioni 19 commenti

di

Share

Inter e Milan, qua la mano per ristrutturare il Meazza. I due club, insieme al Comune che ne detiene la proprietà, si sono dati appuntamento per mettere in agenda tutte le valutazioni del caso per l’impianto milanese. Le proprietà cinesi abbandonano così l’idea di creare da zero stadi di proprietà. Che si vada avanti con la ‘Scala del Calcio’.

L’idea di ammodernamento di San Siro c’è da tempo: già in primavera i due club ne avevano parlato in maniera informale. Da ora però ecco che entra di scena il sindaco Sala. Lo stadio del futuro sarà ancora in condivisione.

L’Inter ha un progetto in cantiere da tempo. Il Milan ha avallato l’idea dopo aver clamorosamente abbandonato la pianificazione di un nuovo impianto in zona Portello. Tutto sul Nuovo Meazza, si cerca già la data per l’inizio dei lavori.

Inter e Milan, progetto per San Siro
Inter e Milan, progetto per San Siro condiviso: presto novità

Inter e Milan, insieme per ristrutturare lo stadio

Niente derby tra Inter e Milan per lo stadio di San Siro. Anzi, vanno avanti a braccetto per cercare di varare un nuovo progetto di ammodernamento di uno degli impianti più affascinanti d’Italia. A Palazzo Marino presenti i due ad Marco Fassone e Alessandro Antonello. In prima linea c’è anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala:

Ho incontrato le due dirigenze. Abbiamo condiviso l’idea di uno stadio moderno e rinnovato, che diventi così un elemento di valore per la città. Entrambe le parti hanno dimostrato disponibilità a investire. Il tavolo è aperto per verificare tutte le opzioni disponibili.

In casa Inter un piano di ristrutturazione c’è già da tempo: trasformare il terzo anello (poco utilizzato) con una nuova struttura fatta di bar, ristoranti, musei e negozi. Poi una serie di ampliamenti che riguardano l’ex area del Trotto, non posta a vincoli architettonici. Il Milan studia il dossier: presto anche loro presenteranno un progetto. Se ne riparlerà più avanti. I tempi, come normale che sia per queste cose, non saranno brevi. Quanto? Almeno sei mesi per capire le mosse. Anche se si parla già di riunioni in agenda per passare davvero alle cose concrete, "formali" per Fassone. Che sembra già entusiasta:

Il tema stadio è stato uno dei primi in cui si è parlato a fine agosto con Li Yonghong e David Han Li. Ci teniamo a fare sì che il Milan possa giocare in un impianto adatto a questi anni. San Siro è straordinario. Anche l’Inter sta facendo delle riflessioni. La decisione andrà presa con loro, con il Comune e con la Regione. L’esperienza dice che tutti i club di primo livello che hanno cambiato stadio, hanno poi raddoppiato da un anno all’altro il fatturato. Lo ha fatto anche la Juventus.

Inter e Milan, progetto San Siro
Inter e Milan, ora condivisione sul progetto San Siro: ipotesi eliminare terzo anello

Qualche dubbio

Sull’area ex Trotto non esiste nessun vincolo. La Sovrintendenza ha bocciato la proposta dell’associazione Italia Nostra e del partito dei Verdi. C’è un ma. Il Comune nel 2016 ha respinto il progetto di riqualificazione della Snai, vogliosa di recuperare quella zona per crearci abitazioni e attività commerciali. "No" dell’assessore all’Urbanistica Maran: troppo cemento. E così il problema cubature, dopo Roma (con il primo progetto dei giallorossi bocciato), si potrebbe ripresentare più a Nord.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.