Follia in Polonia, ultras del Legia Varsavia picchiano i giocatori

Dopo la sconfitta contro il Lech Poznan, un gruppo di 50 tifosi avrebbe aspettato la squadra nel parcheggio per poi malmenare calciatori e membri dello staff.

Legia Varsavia, ultras picchiano i giocatori

293 condivisioni 12 commenti

di

Share

I tifosi del Legia Varsavia tornano a fare notizia e per l'ennesima volta lo fanno in maniera negativa: un piccolo gruppo di ultras della squadra polacca infatti si sarebbe reso protagonista di un vero e proprio agguato ai danni dei giocatori.

Il fattaccio sarebbe accaduto subito dopo la partita giocata in casa del Lech Poznan domenica e persa dal Legia col risultato di 3-0. La sconfitta contro i rivali di sempre ha aizzato gli ultras della squadra ospite, che hanno atteso i calciatori nel parcheggio dello stadio per poi aggredirli.

Non è la prima volta che la frangia più estrema della tifoseria del Legia Varsavia commette atti così deprecabili: solo nell'ultimo anno gli ultras polacchi hanno seminato il panico a Madrid nel giorno della partita di Champions League contro il Real e compiuto una violenta aggressione ai danni di alcuni tifosi dell'Ajax che erano in Polonia per seguire il club olandese in Europa League.

I tifosi del Legia Varsavia
Gli ultras del Legia Varsavia

Legia Varsavia, gruppo di ultras aggredisce i giocatori

La ricostruzione dell'aggressione ai danni della squadra del dopo la partita contro il Lech Poznan del 1° ottobre arriva dal quotidiano polacco Przegladsport, secondo il quale circa 50 ultras avrebbero fermato il pullman con i giocatori del Legia Varsavia prima che potesse lasciare il parcheggio dello stadio.

Il capo di questo gruppo di "tifosi" sarebbe salito sul mezzo, convincendo staff tecnico e giocatori a scendere con la scusa di parlare con loro. Ma lì è scattata l'aggressione, con molti dei calciatori che sono stati colpiti in testa e il vice allenatore Aleksandar Vukovic che invece ha incassato un pugno in pieno volto.

Prima di andar via, gli ultras avrebbero minacciato la squadra di ritornare in caso di un'altra sconfitta pesante come quella appena rimediata a Poznan. Questa gravissima aggressione è solo l'ultimo atto sconvolgente perpetrato dalla componente più estrema del tifo del Legia Varsavia, che è ormai tristemente famosa in Europa non solo per la sua violenza ma anche per gli striscioni che espone spesso allo stadio, in particolare contro la UEFA.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.