UFC, Conor McGregor: "Voglio difendere il titolo. Diaz? Non ora"

Conor McGregor risponde agli haters, aprendo finalmente ad una difesa della cintura pesi leggeri UFC e smentendo le voci su un terzo match con Nate Diaz.

UFC lightweight champion Conor McGregor

374 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un'ondata di caos, insulti e reazioni sul web. Questo, ad occhio e croce, sarà il fenomeno che scaturirà dalle nuove parole di Conor McGregor. Il campione pesi leggeri UFC, reduce dal money match con Floyd Mayweather e pronto a chiudere - secondo gli ultimi rumors - la trilogia con Nate Diaz, si è dichiarato deciso a difendere il proprio titolo.

Queste dichiarazioni vanno chiaramente a cozzare con le argomentazioni degli haters, i quali hanno da sempre rimproverato all'irlandese una scarsa inclinazione nell'adempiere ai doveri di un campione: sia in Cage Warriors che in UFC infatti "Notorius" non ha mai lottato per difendere il proprio titolo. Peccato però che, nella sua avventura inglese, non ne abbia avuto l'occasione: appena conquistata la seconda cintura, difatti, è arrivata la chiamata da parte del management UFC, facendo di fatto saltare il banco al CW.

Ragion per cui vi vediamo già schiumanti dalla rabbia al solo pensiero di leggere le dichiarazioni rilasciate dal re delle 155 libbre al "An Evening with Conor McGregor" con Caroline Pearce. Ecco, non potreste essere più in errore di così: l'irlandese si è detto pronto a difendere il titolo, e questo nonostante l'impellenza del possibile terzo match con Nate Diaz.

Ho un titolo UFC da difendere, e questo chiaramente significa qualcosa per me. Nate sta provando a far valere le sue ragioni, ma se lui si tirerà indietro affronterò colui che uscirà vincente dalla battaglia per il titolo ad interim, o comunque qualcuno in linea per la chance titolata. Ho già raggiunto il top come money fight, adesso mi trovo nella situazione di dover difendere la cintura e legittimare la mia storia nello sport e nei ranking. Magari questo è il momento per fare tutto ciò e zittire le malelingue! Sono curiosissimo di vedere come finirà a UFC 216. Certo, con Nate siamo sull'1-1, e prima o poi ci riaffronteremo, ma per adesso ho finito con money match. Adesso è necessario che mi confermi come campione, e poi eventualmente se ne potrebbe riparlare. Tutto ciò, a dir la verità, mi eccita non poco!

UFC, McGregor e il triangolo dei leggeri

E se vi dicessimo che Kevin Lee vs Tony Ferguson non è stato il primo match studiato da UFC per l'assegnazione del titolo ad interim pesi leggeri? Sì, avete capito bene: la promotion aveva pensato di rimettere in piedi la contesa tra Khabib Nurmagomedov ed "El Cucuy", già saltata a UFC 209. La data era già pronta, con UFC 217 che sarebbe stata la cornice perfetta per questo interessantissimo incontro. Peccato però che il daghestano non sarebbe stato pronto prima di dicembre, non riuscendo dunque a rientrare nelle tempistiche dell'evento del Madison Square Garden. Così i matchmaker hanno deciso di mettere in piedi - con un mese d'anticipo rispetto a quanto programmato - una sfida titolata con Ferguson, che nell'occasione affronterà Kevin Lee a UFC 216. Quale tra questi fighter fronteggerà successivamente McGregor?

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.