Sparta Praga, i tifosi contestano Stramaccioni: striscione in italiano

Dopo il ko con lo Slavia, gli ultras cechi lasciano la curva vuota e "salutano" il tecnico romano. La vittoria contro il Teplice rilancia però l'ex Inter.

Andrea Stramaccioni, tecnico dello Sparta Praga

510 condivisioni 19 commenti

di

Share

Alla fine ha vinto, scacciando un po' più in là critiche e malumori. Eppure la domenica di Andrea Stramaccioni non era cominciata nel migliore dei modi. Lo Sparta Praga ha battuto 3-0 il Teplice, un successo rotondo firmato Kadlec (doppietta) e Lafata. Un'autentica boccata d'ossigeno per la squadra ceca, dopo la sconfitta rimediata nello storico derby con lo Slavia. Chissà se contribuirà ad alleviare la contestazione degli ultras granata nei confronti del tecnico italiano.
Già, perché in occasione della partita in programma allo Stadion Letná, la tifoseria organizzata ha deciso di mettere in scena una protesta plateale: curva vuota e striscione indirizzato al 41enne allenatore romano. Un messaggio che non ha bisogno di traduzioni, dal momento che è stato scritto volutamente in italiano.
"Arrivederci Stramaccioni", è il saluto polemico dei tifosi più caldi dello Sparta Praga. Un invito esplicito affinché la dirigenza prenda la decisione di allontanare, dopo appena 8 giornate della 1. Liga, l'ex mister di Inter e Udinese. Il ko nella stracittadina non è andato giù allo zoccolo duro dei supporter, unito alla delusione per una classifica che rende complicatissimo ogni minimo discorso per il titolo: prima della sfida con il Teplice, erano 13 i punti di distacco dal Viktoria Plzen capolista.

Sparta Praga, curva vuota e striscione contro Stramaccioni

Dopo la vittoria rotonda contro i giallo-blu, lo Sparta Praga ha ripreso il cammino verso la zona europea: ora sono 14 i punti dopo 8 giornate, dieci in meno rispetto al primo posto. I rivali dello Slavia sono però a portata di mano, a sole due lunghezze di distanza: il Sigma Olomouc, secondo, è ad appena tre punti. I mal di pancia dei tifosi granata affondano le radici però già da inizio stagione, quando è arrivata l'eliminazione dall'Europa League già nel terzo turno preliminare, a opera della Stella Rossa. E poi c'è quel titolo nazionale che manca ormai dal 2013/14: un digiuno che comincia a farsi pesante.

"Abbiamo bisogno di tempo"

Dopo appena pochi mesi dall'inizio della sua nuova avventura in Repubblica Ceca, la situazione di Stramaccioni è già delicata. Il tecnico classe '76 non getta però la spugna e applaude la squadra dopo il successo contro il Teplice:
Dopo il derby, tutti erano delusi. Dovevamo rialzare la testa e rispondere nel modo giusto. Abbiamo vinto, potevamo segnare anche più gol, ma sono contento che i miei giocatori hanno giocato al massimo fino all'ultimo. I tifosi non sono felici, è comprensibile, ma abbiamo bisogno di loro. I ragazzi in campo hanno dimostrato di voler combattere per questa squadra.
Sparta Praga di Stramaccioni quarto nel campionato cecoUEFA.com
Lo Sparta Praga di Stramaccioni è ora a 10 punti dalla vetta
Strama è pronto insomma a convivere con il fantasma di un esonero anticipato, ma confida di poter regalare soddisfazioni alla piazza granata. Per questo rivolge un appello a tifosi e dirigenza:
Sono qui per lavorare al 100%. Non è facile cambiare le cose in pochi giorni, so che i risultati sono necessari, ma abbiamo bisogno di tempo.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.