MotoGP, polemica tra Rossi e Pedrosa: "È meglio che corra da solo"

Nella conferenza stampa dopo il Gran Premio di Aragon, lo spagnolo attacca: "Non puoi fare certe manovre a 300 all'ora". E il Dottore non gliele manda a dire.

Moto GP, polemica Rossi-Pedrosa

751 condivisioni 17 commenti

di

Share

Il Gran Premio di Aragon di MotoGP si è lasciato dietro una scia polemica. Durante la conferenza stampa successiva alla corsa, Dani Pedrosa ha attaccato Valentino Rossi, reo secondo lui di aver fatto una manovra particolarmente pericolosa nei suoi confronti.

Il pilota della Honda si riferisce ad un sorpasso effettuato ai danni del Dottore, che lo avrebbe stretto nel rettilineo opposto a quello dei box per non lasciarlo passare, rischiando la collisione. L'iberico ha espresso la sua rabbia, definendo il comportamento di Rossi sleale.

L'italiano però respinge al mittente le accuse di Pedrosa, giustificandosi e rispondendo per le rime al suo avversario. Secondo il 6 volte campione del mondo Moto GP, la sua manovra era perfettamente normale e se lo spagnolo pensa che non sia così, farebbe meglio a correre da solo.

MotoGP, Rossi su Pedrosa: "È meglio che corra da solo"

Valentino Rossi
Rossi ad Aragon

Nella gara del Gran Premio di Aragon Pedrosa ha conquistato il secondo posto dopo esser partito dal sesto posto. Ma lo spagnolo aveva già espresso nelle interviste al parco chiuso la sua rabbia per il comportamento di Rossi durante la gara e in conferenza stampa ha rincarato la dose.

Se guardate le immagini, ero completamente sulla riga bianca e il mio manubrio era veramente ad un soffio dal suo, quindi non credo che sia stata una manovra leale. Ho rischiato tanto. Mandare chi ti sta sorpassando sulla linea quando sta andando a 300 all'ora non è bello.

La risposta di Valentino Rossi però non si è fatta attendere: il pilota italiano si è difeso davanti ai microfoni ricordando come oramai manovre simili siano all'ordine del giorno in MotoGP e che Pedrosa dovrebbe smettere di lamentarsi.

Se Dani è arrabbiato, bisogna che corra da solo, così ha tutta la pista e può passare dove vuole. A me non fa mai passare nessuno, anzi provano fino alla morte a non farmi passare. Ormai la MotoGP è così: se guardiamo le immagini anche solo dell’ultimo anno, ne possiamo trovare 30 di situazioni di questo tipo.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.