Legenden der Bundesliga: l'unica finale che si giocò due volte

Colonia ed Hertha Berlino sono le uniche due squadre che hanno dovuto ripetere la finale. Furono però due gare talmente drammatiche che venne abolito il replay.

L'unica finale di Coppa di Germania che venne ripetuta nella storia del calcio

114 condivisioni 0 commenti

di

Share

Esistono. Quelle partite che tutti vorrebbero si giocassero di nuovo: Italia-Germania 4-3 della semifinale della Coppa del Mondo di Messico 1970, per esempio. Oppure il 3-3 della finale di Champions League tra il Milan e il Liverpool del 2005, con i Reds in grado di recuperare dallo 0-3 al 3-3 e di vincere poi ai rigori. Partite emozionanti, uniche, leggendarie.

Eppure nessuna di queste partite può essere paragonata alla finale di Coppa di Germania fra Colonia e Hertha Berlino. Kicker quel giorno titolò “Un dramma in due atti”. E mai riassunto fu più azzeccato. Atto primo: una lotta calda davanti a 54mila spettatori ad Hannover: l’Hertha sfidò il Colonia che era indicato da tutti come il grande favorito. Quella partita durò 120 minuti, durante i quali Norbert Nigbur mandò ai matti i giocatori del Colonia con le sue parate.

Atto secondo: una partita che venne definita come inutile e infelice. Correva il 30 maggio del 1977, erano passati solo due giorni dalla prima partita, quella che non decretò nessun vincitore. Per la prima e unica volta nella storia della finale del Dfb Pokal la finale sarebbe stata ripetuta.

Colonia 2
I capitani di Colonia e Hertha a inizio partita

Legenden der Bundesliga: l’unica finale giocata due volte

Si capì presto che le finali non andavano giocate su due partite ma a gara secca. Troppa tensione, troppo nervosismo. I giocatori delle due squadre erano di fatto unanimi:

Se vinci la finale va ancora bene, ma se perdi è una tragedia.

Per questo la Dfb decise, già prima del fischio d’inizio, di abolire la ripetizione delle finali. La decisione è però arrivata con un anno di ritardo per l’Hertha. A segnare, al 70’, fu Dieter Müller, che era riuscito a realizzare già un gol nella prima partita. Fu il suo 14esimo gol stagionale in coppa, un record ancora imbattuto nel torneo. C’era però troppa drammaticità in un finale così. Anche perché i giocatori dell’Hertha si sentivano fortemente penalizzati dall’arbitro.

Colonia 2
La partita fra Colonia e Hertha

La vera emozione di quella partita è però dovuta a una scelta tecnica: Overath, dopo 15 anni di carriera (tutti col Colonia) e dopo aver giocato un ottimo primo atto della finale, restò in panchina per la ripetizione. Era stanco e mister Weisweiler lo lasciò fuori. Cosa che Overath, capitano del Colonia che era all’ultima gara della carriera, non apprezzò affatto:

Non ne avevo bisogno, né me lo meritavo dopo tanti anni al Colonia…

Il grande processo mediatico a Weisweiler fu evitato solo dal gol di Muller che regalò la coppa al Colonia. Fra mille polemiche e ancora più emozioni. Perché ci sono partite talmente emozionanti che tutti vorrebbero riviverle e farle rigiocare. Ma le finali no, devono essere a botta secca.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.