Liga: l'Alaves ha scelto De Biasi. Il made in Italy si allarga

L'ex ct dell'Albania aveva già allenato il Levante una decina di anni fa. Ora l'Italia è l'unica nazione ad avere un proprio tecnico in tutte le 5 maggiori leghe.

De Biasi

1k condivisioni 8 commenti

di

Share

Gianni De Biasi non ha ancora avuto il tempo di rilasciare dichiarazioni: la scelta dell'Alaves di nominarlo come nuovo tecnico dopo l'esonero di Zubeldia è avvenuta quasi a notte fonda. Quello che sicuramente spera il tecnico italiano è che il suo ritorno in Liga gli consenta di cancellare la brutta esperienza precedente.

Quasi 10 anni fa, infatti, il 10 ottobre 2007 era arrivato al Levante, chiamato a risollevare una squadra in crisi di risultati, di gioco e di autostima: 1 solo punto nelle prime 7 giornate. Il tecnico trevigiano, però, ben presto scoprì a sue spese che la crisi era anche economica: il club era sull'orlo del tracollo. 

Aveva firmato anche sull'onda delle promesse di grandi acquisti sul calciomercato invernale e invece scoprì di lì a poco che non solo non sarebbe arrivato nessuno ma che addirittura non arrivavano nemmeno gli stipendi. Le conseguenze furono disastrose: la rosa si sfaldò in pochi mesi con una fuga in massa, dall'ex-Real Madrid Savio agli italiani Riganò, Storari e Cirillo. L'ultimo a lasciare la nave fu lui, chiamato da Cairo a salvare il Torino.

De Biasi, dall'Albania all'Alaves

L'operazione riuscì: De Biasi arrivò a 5 giornate dalla fine e ottenne una miracolosa salvezza, addirittura con un turno di anticipo grazie alla vittoria sul campo del Livorno. Un paio di stagioni fra Toro e Udinese, fino a quella che è forse la sua migliore esperienza da allenatore: dal 2011 al 2017, infatti, ha guidato la Nazionale dell'Albania con ottimi risultati.

De Biasi Albania
De Biasi ha guidato l'Albania fino a giugno

In questi anni De Biasi si è tolto parecchie soddisfazioni, dalla vittoria fuori casa contro il Portogallo a quella contro la Francia, fino alla storica qualificazione a Euro 2016, arrivando anche, due anni fa, a un prestigioso sesto posto personale nella classifica IFFHS dei migliori allenatori dell'anno. Stanotte la chiamata dell'Alaves lo riporta alla guida di una squadra di club dopo sette anni e mezzo.

Operazione salvezza in Liga

La squadra basca, nona alla fine dell'ultimo campionato, occupa l'ultimo posto in questa Liga, in compagnia del Malaga: 0 punti in 5 partite, nelle quali non è riuscita a segnare nemmeno un gol a fronte di 8 subiti. Una situazione a dir poco complicata, ma De Biasi, che non ha mai avuto paura delle sfide, potrebbe essere l'uomo giusto.

Un Made in Italy che funziona

Con l'approdo di De Biasi in Liga, l'Italia diventa l'unica nazione a essere rappresentata dai propri tecnici in tutte le cinque maggiori leghe europee In totale sono 23 gli allenatori che rappresentano il Made in Italy del calcio: oltre al tecnico trevigiano in Spagna, ci sono Ranieri in Ligue 1, Ancelotti e Tedesco in Bundesliga, Conte in Premier League e altri 18 loro colleghi in Serie A. Italians do it better, insomma, è massima che funziona anche nel calcio, dove i nostri rappresentanti sono seguiti dagli spagnoli con 20 e dai francesi con 16.

Ancelotti al Bayern Monaco

Il lavoro di De Biasi comincerà la prossima settimana. Oggi sulla panchina dell'Alaves, nel delicato match casalingo contro un Real Madrid che non ha ancora ingranato - diretta alle 16.10 su Fox Sports - siederà il tecnico ad interim Javier Cabello. A Gianni piacciono le sfide, è vero, ma è meglio partire col piede giusto.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.