Bundesliga, Borussia Dortmund da favola: 6-1 al Gladbach e primo posto

Doppio Philipp, tripletta del solito Aubameyang e perla di Weigl: le Vespe di Bosz volano da sole in testa alla classifica. I numeri sono da urlo.

979 condivisioni 14 commenti

di

Share

Quanto è bello, quanto è travolgente, quanto è solido questo Borussia Dortmund. Il 6-1 rifilato al Borussia Mönchengladbach è l'ennesimo saggio di forza, ma soprattutto vale il primo posto solitario in Bundesliga: ora sono 16 i punti dopo sei giornate, due in più dell'Hoffenheim e tre sul Bayern Monaco. La creatura di Peter Bosz è più che mai una seria candidata al titolo.

I numeri poi sono da schiacciasassi: miglior attacco con 19 gol, ma ancora di più miglior difesa con appena una rete subita. Anzi, l'unica macchiolina in una gara perfetta è proprio la prima rete subita in Bundesliga, quando il risultato era già sul 5-0: il record di imbattibilità rimane così fermo ai primi cinque turni.

Gli attori protagonisti al Signal Iduna Park sono loro: Maximilian Philipp e Pierre-Emerick Aubameyang. Apre il match la doppietta dell'ex Friburgo, segue la tripletta del capocannoniere del campionato (8 centri, uno in più di Lewandowski). Poi c'è spazio per il gol della bandiera di Lars Stindl: dopo il 4-0 del 2015/16 e il 4-1 dello scorso anno, per i Puledri di Dieter Hecking il Westfalenstadion si conferma stregato. A chiudere i conti ci pensa infine il gioiello di Julian Weigl, al primo gol nel massimo campionato tedesco.

Bundesliga, Borussia Dortmund in vetta da schiacciasassi

Che il confronto tra i due Borussia ispirasse goleade, lo suggeriva già la storia di questo duello: l'ultima volta che i gialloneri sono rimasti a secco in casa contro i Fohlen, correva l'anno 1988. E poi c'era la striscia d'imbattibilità interna da confermare: salgono a 41 i match di campionato senza sconfitte al Signal Iduna Park. Chi si aspettava un Borussia Dortmund col freno a mano, in vista della sfida di Champions League contro il Real Madrid, è rimasto piacevolmente stupito: nonostante il turnover, la formazione di Bosz si conferma in stato di grazia.

E pensare che la prima occasione della partita è degli ospiti: la conclusione di Thorgan Hazard e la respinta di Bürki (alla 100ª nel campionato tedesco) saranno il filo conduttore della serata no del Gladbach. Perché poi inizia lo show delle Vespe e di Philipp in particolare: al 28' trasforma di destro l'assist di Aubameyang, dieci minuti più tardi sceglie il sinistro per fiondare il pallone sotto la traversa. Per Pierre Emerick, invece, la gara sembra inizia col piede sbagliato: Sippel e il palo gli sbarrano la strada per tutto il primo tempo. Allo scadere, però, anche il gabonese si sblocca: Philipp ricambia il favore, il numero 17 apre le danze.

Bosz meglio del primo Tuchel

Neanche il tempo di tornare negli spogliatoi sul 3-0, che al 49' arriva già il quarto gol: ancora una volta è opera di Auba. Sulla punizione perfetta di Götze, prima colpisce il palo di testa, poi ribatte con la porta sguarnita. La tripletta per il re dei bomber gialloneri scocca puntuale al 63': stavolta il suggerimento vincente è di Pulisic, P-E non deve far altro che superare in dribbling il numero uno dei Fohlen. Lo score di Aubameyang è spaventoso: 8 centri nelle prime sei giornate, 12 stagionali in appena nove partite.

La rete di Stindl, al minuto 66, spezza come anticipato l'invulnerabilità della porta delle Vespe. Lo spettacolo al Westfalenstadion si chiude con la perla di Weigl: il tiro di controbalzo è splendido e vale la prima rete in Bundesliga per il classe '95, alla centesima da professionista. È la ciliegina sulla torta preparata da Bosz: l'ex tecnico dell'Ajax emula la prima stagione di Thomas Tuchel. Nel 2015/16 il Borussia Dortmund vantava, come oggi, 16 punti e 19 gol fatti dopo sei turni: allora però le reti subite erano "già" quattro. La differenza reti di +18 premia insomma il nuovo corso di Bosz, il demiurgo di una squadra favolosa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.