Arsenal, mezza squadra è in scadenza: Wenger deve correre ai ripari

Il tecnico francese deve fare i conti anche con i rinnovi di Welbeck e Ramsey, oltre alle grane Sanchez e Ozil. Rischio esodo a fine stagione.

Arsene Wenger, allenatore dell'Arsenal

522 condivisioni 9 commenti

di

Share

Non c'è pace per Arsene Wenger, che dopo il complicatissimo inizio di stagione e le successive critiche per lo stile di gioco espresso dal suo Arsenal deve ora fronteggiare un altro problema: i rinnovi contrattuali. Al momento ben quattro titolari sono in scadenza nel 2018 e nel 2019. Agli ormai noti Alexis Sanchez e Ozil, i cui rinnovi tengono banco da mesi, si sono aggiunti anche Danny Welbeck e Aaron Ramsey, due protagonisti dell'annata 2017/2018 e tra i migliori in campo nel derby contro il Chelsea.

Wenger sa che lasciarli andare tutti sarebbe un danno incalcolabile sia per la squadra, che in questi anni ha fondato su di loro le proprie certezze, che per la società, visto l'impatto economico che subirebbe perdendoli a parametro zero. Per il duo britannico l'accordo pare essere in dirittura d'arrivo, l'attaccante cileno e il centrocampista tedesco non sono mai stati invece così lontani da una partenza.

Da una parte Sanchez, arrivato a un passo dal passaggio al Manchester City nella scorsa sessione di mercato, dall'altra Mesut Ozil, criticato per il suo rendimento dai supporters e da leggende dei Gunners come Ian Wright. 

Ozil e Sanchez con la maglia dell'Arsenal

Arsenal, Wenger tratta i rinnovi 

Un aumento di 40 mila sterline a settimana sia per Ramsey che per Danny Welbeck: queste le proposte dell'Arsenal ai suoi giocatori. Il gallese passerebbe da 110 mila sterline settimanali a 150 mila, mentre l'attaccante inglese compirebbe un passo in avanti da 70 mila sterline settimanali a 100 mila.

Con i loro rinnovi Wenger si augura di poter dare una scossa anche alle trattative per Sanchez e Ozil, vicini entrambi a lasciare l'Arsenal al termine della stagione. E come dichiarato dallo stesso manager, la perdita sarebbe doppia: la società verrebbe privata della possibilità di vendere giocatori di tale qualità a cifre mostruose - visto il mercato attuale - e per rimpiazzarli dovrebbe spendere tanti, tanti soldi. 

L'esultanza di Welbeck e Ramsey dopo i gol segnati al Bournemouth

Wenger vuole ovviamente evitare questo tipo di situazione e per farlo proverà ad accontentare, almeno parzialmente, le richieste dei suoi giocatori. Nell'ultimo incontro Sanchez era arrivato a chiedere 350 mila sterline a settimana. Troppi? Forse sì, ma Wenger ormai ha le spalle al muro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.