River Plate, remuntada storica in Libertadores: 8-0!

I Millonarios riscrivono la storia della Copa Libertadores, ribaltando con un incredibile 8-0 lo 0-3 dell'andata contro i boliviani del Jorge Wilstermann.

River Plate Copa Libertadores

1k condivisioni 23 commenti

di

Share

Istanbul? Robetta. Barcellona-PSG? Quasi, ma non abbastanza vicino. Nel corso degli anni abbiamo assistito ad alcune impressionanti rimonte, sia nel corso della stessa partita che nell'arco del doppio confronto, e le due citate sono considerate pietre di paragone della categoria. Ma le imprese di Liverpool e Barça vengono in un certo senso ridimensionate se messe al cospetto di quanto combinato dal River Plate in Copa Libertadores.

Ai quarti di finale del più prestigioso torneo del Sudamerica, i Millonarios si sono trovati a un passo dall'eliminazione dopo la pesante sconfitta per 3-0 maturata nel match di andata, in casa dei boliviani del Jorge Wilstermann di Cochabamba. La squadra di Gallardo, capolista in Primera Division con tre vittorie in altrettante partite (come il Boca Juniors), aveva bisogno di qualcosa di molto simile a un miracolo per ribaltare una situazione ampiamente compromessa.

Non è arrivato un miracolo, è arrivata un'epifania: l'8-0 con cui il River Plate ha sbriciolato gli avversari, guadagnandoci l'accesso alle semifinali di Copa Libertadores, entra di diritto nel novero delle gesta eroiche calcistiche del nuovo millennio.

Copa Libertadores, River Plate-Jorge Wilstermann finisce 8-0!

Dopo 20' il River Plate ha già riempito la voragine che lo separava dai boliviani: 3-0, firmato interamente da un Ignacio Scocco impegnato nella partita della vita. Il 32enne ex Newell's Old Boys alla fine ne metterà dentro cinque, condendo la sua notte impossibile con l'assist del 4-0 per Enzo Perez, il grande acquisto del mercato, che alla fine metterà il punto esclamativo alla "contesa" (si fa per dire), infilando per l'ottava volta il malcapitato portiere con un delicato tocco sotto.

Il Monumental, trasformato dai giocatori del bravissimo Gallardo in una bolgia dantesca, saluta incredulo una delle gare più memorabili della storia del club. Solo due volte, infatti, il River aveva vinto con un punteggio più largo: 9-0 all'Universitario nella Libertadores del 1970, e un 10-1 all'Huracan in coppa nazionale nel 1974. Il record assoluto della Copa Libertadores, invece, appartiene al Penarol, capace di battere per 11-2 il Valencia nel 1970. Ma quella del River Plate resta la goleada più clamorosa del torneo degli ultimi 45 anni, alla pari con Blooming-Deportivo Italia del 1985 e Santos-Blooming del 2012 (8-0).

Così Gallardo al termine dell'ubriacatura collettiva:

Avevo detto che ci aspettava la sfida più grande, non era facile ribaltare la qualificazione. Ho detto ai giocatori che avevano una possibilità storica e loro ce l'hanno fatta, con l'aiuto della nostra gente. Chi era allo stadio ci credeva e la squadra ha dimostrato ancora una volta di esserci. L'avversario era forte, siamo noi che l'abbiamo reso debole con la partita perfetta, quella che sognavamo. Oggi non abbiamo vinto un trofeo, ma questa partita resterà nella memoria come una finale vinta

Ora per il River Plate si spalancano le porte della semifinale di Copa Libertadores: lo aspetta il Lanus, protagonista di un'altra rimonta, benché decisamente meno affascinante (da 0-2 a 2-0, e poi colpo di grazia ai rigori) contro i connazionali del San Lorenzo. L'altra semifinale metterà di fronte i brasiliani del Gremio e gli ecuadoregni del Barcelona Sporting Club. Ma è inutile dire che il River Plate è in rampa di lancio per ripetere il trionfo del 2015.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.