Tevez e il calcio cinese: "Neanche tra 50 anni al livello dell'Europa"

Il calciatore più pagato al mondo critica la Super League: "Qui i giocatori non sono capaci". E il presidente dello Shanghai Shenhua risponde: "Carlitos ci ha delusi".

861 condivisioni 14 commenti

di

Share

Ci va giù pesante Carlos Tevez contro il calcio cinese. Niente sconti al campionato che lo ospita per 38 milioni di euro a stagione, cifra che lo Shanghai Shenhua gli versa sul conto da quasi un anno.

Che il calciatore più pagato al mondo sia già stanco del pallone cinese? Diciamo che gli ultimi mesi sono stati molto movimentati. E non sul campo. Carlitos, insieme a Fredy Guarin, è finito sul banco degli imputati per problemi di peso. Con la pancetta non si gioca. Ovviamente sono nate polemiche e malumori. 

All’emittente francese SFR Sport, Tevez dà un giudizio sulla Super League. Il rapporto con il club di Shanghai è ai minimi storici. La risposta del presidente non tarda ad arrivare: sono previsti provvedimenti.

Tevez, ferri corti con lo Shanghai Shenhua
Tevez, avventura in Cina al capolinea

Tevez, un calcio al pallone cinese

Tevez critica la Super League e lo fa in maniera pesante. Perché mette nel mirino tutto il sistema calcistico, non il suo club, non il modo di giocare. Di mezzo ci sono anche i suoi compagni cinesi.

In Sudamerica e in Europa si impara a giocare fin da bambini, in Cina no. Dal punto di vista tecnico i giocatori sono indietro, il calcio è molto differente. Nemmeno tra 50 anni il calcio cinese arriverà all’altezza di quello europeo.

Tevez, presentazione allo Shanghai Shenhua
Tevez, solo sorrisi nel giorno della presentazione: ora rapporto crinato

Una bordata che ha aperto una ferita difficile da rimarginare con lo Shanghai Shenhua. Wu Xiaohui, patron del club, risponde per le rime:

Noi volevamo portare in squadra una superstar, credevamo che Tevez potesse essere il profilo giusto. Ma non si è allenato in inverno e non è in forma: così ha risposto in maniera negativa alle nostre aspettative.

Tre reti in 13 partite. La Cina è stanca di lui, lui della Cina. Il divorzio si avvicina, anche se l’Apache ha il contratto in scadenza tra poco più di un anno, a dicembre del 2018.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.