La Nations League è realtà. La UEFA: "Crescerà lo spettacolo in campo"

A Nyon l'esecutivo ha dato via alla nuova competizione per Nazionali. Inizio nel settembre del 2018, Italia in Serie A. Michele Uva, ex FIGC, diventa Vicepresidente.

Nations League, tutto confermato: a Nyon la presentazione del torneo

301 condivisioni 18 commenti

di

Share

Meno amichevoli, più partite vere. A guadagnarci è lo spettacolo e… la UEFA. Nasce la Nations League, competizione europea per Nazioni che vedrà il via il prossimo settembre, dopo il Mondiale di Russia 2018. Una formula tutta nuova, un torneo per far divertire ed emozionare. Perché in palio ci sarà un trofeo. I bienni che anticipano una Coppa del Mondo o un Europeo non saranno più fatti di semplici partite di qualificazione. 

L’idea è nata da Platini, ex Presidente del massimo organo calcistico europeo. Il progetto, portato avanti dal nuovo eletto Aleksander Ceferin, ha visto la luce a Nyon: tutto approvato, a settembre 2018 il benvenuto al nuovo torneo.

È il primo cambiamento di un’era che ne prevede altri. La Nations League porterà le sfide per le Nazionali in una dimensione più seria: squadre di pari livello che si sfidano per vincere. Ringrazia lo spettacolo, si vedrà sia negli stadi che in TV.

Nations League, tutto pronto per il nuovo torneo della UEFA
Nations League, la UEFA ha approvato: prima partita il 6 settembre del 2018

Nations League, la presentazione di Nyon

Mancava solo l’ufficialità, ora c’è. La Nations League si farà. La UEFA con una nota ha fatto sapere:

Questa nuova competizione mira a far crescere le Nazionali sostituendo gran parte delle amichevoli con partite ufficiali. Inoltre adesso le squadre affronteranno formazioni di pari livello.

Il regolamento

Più difficile a dirsi che a farsi. Il meccanismo è semplice, per gli sportivi amanti del tennis ancor di più visto che la formula somiglia molto a quella della Coppa Davis. Alla Nations League partecipano tutte e 55 le Nazionali d’Europa. Saranno divise in 4 serie (A, B, C, D) con un sistema di promozioni e retrocessioni. La A comprende le migliori 12 squadre con miglior ranking UEFA. L’Italia, oggi 4°, andrà in questo gruppo. Le 12 saranno divise in 3 fasce da 4. Il 24 gennaio 2018, a Losanna, via al sorteggio per creare 4 gruppi da 3 squadre.

Poi finalmente il campo. I 4 match dei gruppi di A, andata e ritorno, si giocano da settembre e novembre del 2018. Le vincenti dei 4 gruppi (che avranno diritto immediato ad un pass per Euro 2020) si sfideranno alla Final 4 nel giugno del 2019. Qui la storia si fa interessante: due seminali e una finale, tutte secche. Le ultime 4 arrivate invece, retrocederanno di divisione. La Nations League si giocherà ogni 2 anni.

Serie A (12 squadre, 4 gironi da 3 squadre)

Serie B (12 squadre, 4 gironi da 3 squadre)

Serie C (15 squadre, un girone da 3 squadre e 3 gironi da 4 squadre)

Serie D (16 squadre, 4 gironi da 4 squadre).

Nations League, lo schema nel dettaglio
Nations League, la grafica del nuovo torneo per Nazionali

Un torneo per regalare più spettacolo sugli spalti, ma soprattuto per incrementare i ricavi dai diritti TV. 

Uva diventa Vicepresidente

Giornata intensa a Nyon. L’esecutivo, all’ordine del giorno, ha inserito anche la nomina del nuovo vicepresidente UEFA. Carica che va a Michele Uva, materano classe ’64 già Direttore Generale della FIGC. Da aprile nei palazzi svizzeri, ora la nomina per prendere il posto del dimissionario Angel Maria Villar Llona. Fernando Gomes nuovo membro europeo al Consiglio FIFA. Per il dirigente italiano sono arrivati i più sentiti complimenti dal Ministro dello Sport Luca Lotti:

La sua nomina è una bella notizia per tutto lo sport italiano. È un riconoscimento che premia la carriera di un dirigente che ha sempre lavorato con passione, basando la sua attività sui veri valori dello sport.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.