WWE SmackDown - Charlotte Flair, ritorno col botto. Owens chiede scusa

L'ex campionessa torna sul ring dopo un periodo di pausa per seguire il padre Rick. E arrivano le scuse a Vince McMahon.

Un'immagine del Main Event di WWE SmackDown del 19 settembre 2017

82 condivisioni 1 commento

di

Share

Se per il roster di Raw siamo ormai arrivati alla vigilia del Pay-Per-View di No Mercy, per quanto riguarda quello di WWE SmackDown manca ancora un po' di più prima di Hell in a Cell, in programma domenica 8 ottobre 2017 alla Little Caesars Arena di Detroit, Michigan.

Molte situazioni sono ancora in evoluzione, di certo la più scioccante è quella che è seguita la settimana scorsa alla comunicazione da parte di Vince McMahon in persona di un Hell in a Cell match tra suo figlio Shane e Kevin Owens.

The New Face of America ha replicato colpendolo violentemente con una testata e finendolo successivamente sul ring. Inevitabilmente ci saranno delle conseguenze. Poi questa sarà anche la puntata della sfida per il titolo degli Stati Uniti tra Baron Corbin e il campione AJ Styles, così come del ritorno di Charlotte Flair dopo il periodo di pausa per stare vicina al padre Rick. Possiamo dunque partire per il racconto della serata, come sempre nella rubrica WWE-ek SmackDown a cura di FOX Sports.

WWE SmackDown

La puntata di WWE SmackDown comincia con l'ingresso di Shane McMahon, al rientro dopo la squalifica della settimana scorsa dopo l'aggressione a Kevin Owens.

Il Commissioner avverte lo stesso KO di aver esagerato, perché per quanto ci siano stati degli attriti in passato, Vince resta sempre suo padre.

Per questo a Hell in a Cell ci saranno gravi e molto dolorose conseguenze e i McMahon avranno la loro massima vendetta. Perché è sempre funzionato così quando qualcuno ha toccato uno della famiglia.

Aiden English vs Randy Orton

Il primo match della serata è tra Aiden English e Randy Orton, con quest'ultimo che come prevedibile inizia a condurre il match, dominandolo.

Aiden English però riesce a reagire, anche attraverso qualche scorrettezza (come le dita negli occhi) e si prende un piccolo vantaggio.

Quando prova a lanciarsi dalla terza corda su Randy Orton, però, subisce una RKO in volo che chiude il match. Mentre The Viper festeggia arriva però Rusev, che chiede un nuovo incontro al Legend Killer dopo l'umiliazione di Summerslam. Orton accetta.

Randy Orton vs Rusev

Secondo incontro consecutivo della serata dunque per Randy Orton, questa volta con il bulgaro Rusev che parte subito all'attacco, ma viene intercettato da The Viper.

Primo tentativo di RKO non andato a segno, Orton va sulle corde e colpisce Aiden English che intanto si è rialzato.

Una distrazione fatale, perché tornando verso il centro del ring Rusev assesta il suo Superkick che vale la vittoria. E intervistato subito dopo nel backstage, il bulgaro è euforico e dice che finalmente potrà tornare da eroe nella sua patria, canticchiando "Rusev number one".

Jinder Mahal e i Singh Brothers

Il campione WWE Jinder Mahal fa il suo ingresso nel ring, scortato come sempre dai Singh Brothers. L'indiano continua a prendere in giro Shinsuke Nakamura per le sue espressioni, mandando sue fotografie.

Poi, al pubblico che inneggia il giapponese, risponde che è solo una reazione momentanea e che poi il nazionalismo statunitense farà sì che non gli vada bene più neanche Nakamura. I fischi continuano e Jinder Mahal decide allora di proseguire la sua "arringa" con la lingua del Punjabi.

Subito dopo viene inquadrato Shinsuke Nakamura nel backstage, che dice di non essere così divertito. E lo farà notare allo stesso Jinder Mahal a Hell in a Cell.

AJ Styles (C) vs Baron Corbin

AJ Styles sale sul ring per la United States Open Challenge che lo vedrà impegnato contro Baron Corbin, prima però condanna quanto fatto da Kevin Owens la settimana scorsa, poi passa al Lone Wolf definendolo come uno dei pochi geni capaci di fallire l'incasso della valigetta del Money in the Bank.

Dopo questa premessa, Corbin lo raggiunge sul ring e lo attacca ancor prima delle presentazioni ufficiali.

In soccorso di AJ Styles arriva Tye Dillinger, che aggredisce violentemente Baron Corbin, probabilmente facendolo infortunare alla caviglia. Styles ne approfitta e lo imprigiona nella Calf Crusher. E tutto questo prima ancora dell'inizio ufficiale del match, che non arriverà mai... Baron Corbin è stato ripagato con la sua stessa moneta.

Il ritorno di Charlotte Flair

Charlotte Flair fa il suo ritorno sul ring, non nelle vesti di lottatrice. L'ex campionessa ringrazia il pubblico per essere stato vicino al padre Rick in questo momento difficile e che queste sei settimane le hanno insegnato di godersi ogni singolo istante a sua disposizione con suo papà.

Arriva Natalya, che dopo aver detto di essere felice per il fatto che Rick Flair si sia ripreso, continua spiegando che bisogna guardare oltre: la celebrazione del suo titolo di campionessa femminile di WWE SmackDown.

Il palco viene allestito, con tanto di poster di Natty, e Charlotte la ringrazia, in quanto il suo prossimo gesto sarebbe stato proprio quello di sfidarla per il titolo. Si unisce così pure Becky Lynch, con la stessa pretesa. E fanno altrettanto pure Naomi e Tamina, accompagnata dalla manager Lana. La situazione si fa incandescente e il General Manager Daniel Bryan arriva a fare ordine: questa sera ci sarà un Fatal-4 Way Match e la vincitrice affronterà Natalya a Hell in a Cell.

Hype Bros vs The New Day

A seguire c'è il Tag Team Match tra i campioni del New Day e gli Hype Bros, con gli Usos al tavolo di commento. L'incontro è equilibrato, Zack Ryder va a un passo dal chiudere il match su Big E, fermato all'ultimo da Kofi Kingston, che poi vola letteralmente su Mojo Rawley. E il preludio alla Midnight Our che vale la vittoria.

Le scuse di Kevin Owens

In un'intervista video, Kevin Owens chiede sinceramente scusa a tutti, dal WWE Universe alla famiglia McMahon. Poi dice che è colpa di Shane, che è lui che lo ha trasformato in questo, mancandogli di rispetto per primo. Lui avrebbe voluto sfogarsi proprio con Shane, ma alla fine lo ha fatto con Vince. Ecco perché chiede di nuovo scusa. Perché a Hell in a Cell andrà anche oltre.

Subito dopo vengono inquadrati gli Hype Bros, con Mojo Rawley che si dice stanco di perdere e che prima o poi dovranno cominciare a vincere. Ryder annuisce ma non sembra troppo convinto.

I troll di Dolph Ziggler

Continuano le imitazioni di Dolph Ziggler, che questa volta si mette alla prova con Triple H, Shawn Michael e pure la DX. Poi continua a ripetere quanto dice da settimane, cioè che chiunque è in grado di fare certe cose, ma nessuno è capace di fare ciò che lui realizza sul ring. E se ai tifosi non interessa, allo stesso tempo a lui non interessa dei tifosi.

Becky Lynch vs Tamina vs Charlotte Flair vs Naomi

Eccoci arrivati al Main Event della serata, il Fatal-4 Way Match femminile che mette in palio la possibilità di affrontare Natalya a Hell in a Cell. Charlotte torna in una condizione strepitosa, che la fa esaltare dopo una Spear su Tamina e un Moonsault sulla stessa assistita da Lana e Naomi messe insieme.

Poi applica la Figure 8 su Naomi, ma viene interrotta da Tamina e Becky Lynch. Un Big Boot su Tamina è però decisivo, Charlotte si prende la vittoria e la possibilità di competere per il titolo femminile a Hell in a Cell. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.