Serie B, Han: bomber nordcoreano a Perugia. Da Razzi all'embargo

L'attaccante nordcoreano segna a raffica in Serie B. Il senatore Razzi: "In Italia grazie a me". Ma qualcuno si sta chiedendo se il suo ingaggio violi l'embargo a Kim.

Kwang-Song Han

1k condivisioni 10 commenti

di

Share

L'urlo di Han terrorizza la Serie B. Sembra il titolo di un b-movie degli anni 70, ma in qualche modo è la realtà. Kwang-Song Han, 19 anni da Pyongyang, si sta dimostrando un bomber di razza: ingaggiato nei mesi scorsi dal Perugia, in prestito dal Cagliari, ha già segnato 5 gol nei primi 4 turni.

A Chiavari non lo dimenticheranno facilmente: il 26 agosto scorso fece impazzire Benedetti e Ceccarelli, i due centrali dell'Entella che se lo vedevano sbucare da tutte le parti. Finì 1-5 per gli umbri, con una tripletta del nordcoreano che, circondato dai compagni, stentava a capire che avrebbe potuto portarsi a casa il pallone.

La domenica successiva ancora un gol, stavolta contro il Pescara, battuto 4-2. A secco nel terzo turno, 1-1 a Cittadella, il ragazzo si è subito rifatto domenica scorsa contro il Parma: sua la rete che ha aperto le marcature dei Grifoni che hanno rifilato un sonante 3-0 al Parma, fra le principali candidate alla promozione in Serie A.

Serie B, Han: bomber nordcoreano a Perugia

Primo nordcoreano a giocare nei nostri campionati professionistici, con 5 gol Han è secondo nella classifica dei marcatori della Serie B, dietro a Pettinari del Pescara. Una rete ogni 58 minuti la sua media-gol, la stessa che tenne lo scorso anno nella sua breve esperienza in Serie A col Cagliari: esordì il 2 aprile, 4 minuti a Palermo, ma già la domenica successiva il suo gol a Joe Hart nei minuti di recupero fece tremare i tifosi del Torino.

Kwang-Song Han
Per Kwang-Song Han tripletta sul campo dell'Entella

La foto di Kwang-Song Han che fa 3 con le dita sul campo dell'Entella ha fatto gongolare Antonio Razzi, il senatore forzista salito alla ribalta soprattutto grazie alle imitazioni di Maurizio Crozza e ai suoi viaggi in Corea del Nord:

Il ragazzo l'ho scoperto io, così dopo la sua ottima prestazione ho inviato un messaggio di congratulazioni al caro leader Kim Jong-Un.

Kim Jong-Un e Razzi
Il senatore Razzi ha sempre intrattenuto buoni rapporti con la Corea del Nord

L'accordo fra scuole calcio

Il senatore non ha tutti i torti, al massimo esagera un po' il proprio ruolo di talent scout. In realtà ad accompagnarlo in uno dei suoi viaggi c'è anche Alessandro Dominici, responsabile della ISM Academy di Perugia, una scuola calcio internazionale specializzata nella ricerca e nella formazione di giovani calciatori che stringe un accordo con la Pyongyang International Football School, l’accademia calcistica giovanile della Corea del Nord che rappresenta il maggior investimento sportivo del regime di Kim Jong-Un.

Choe Song Hyok
Un'immagine di Choe Song Hyok

Una decina di ragazzi nordcoreani arrivano dunque a Perugia per imparare, studiare e confrontarsi, in attesa di diventare maggiorenni. Due, in particolare si mettono in evidenza Choe Song Hyok, esterno d'attacco della Primavera della Fiorentina e poi del Perugia e, appunto Han, che bocciato da Corvino finisce a Cagliari dove brucia le tappe.

I problemi con l'embargo

Ma la Corea del Nord e il suo leader sono sempre più al centro dell'attenzione internazionale e siccome Kwang-Song Han è sostanzialmente un lavoratore all'estero proveniente da un paese sottoposto a embargo internazionale per il suo programma nucleare e le continue violazioni dei diritti umani, la politica non ha tardato a occuparsi di lui, addirittura tramite un'interrogazione parlamentare. Pare infatti che circa il 70% degli stipendi dei lavoratori nordcoreani all’estero venga prelevato dal governo, diventando una delle principali fonti di valuta estera in mano al regime di Kim.

Kim Jong-Un
Il leader nordcoreano Kim Jong-Un

Difficile capire come stiano le cose, anche per il silenzio dell'ambasciata nordcoreana, ma di sicuro Han, come i suoi giovani colleghi, è arrivato in Italia da svincolato. Nulla quindi è stato pagato per il suo cartellino in Corea del Nord e per quanto riguarda il suo stipendio la risposta l'ha data Alessandro Dominici a UmbriaOn:

Han e Choe sono lavoratori stranieri su suolo italiano, pertanto rispettano le leggi italiane, gli stipendi sono tracciati e vengono versati nel rispetto dei regolamenti direttamente su un conto a loro intestato e sulla somma ricevuta pagano le tasse in Italia, come qualsiasi altro calciatore.

Il sogno di Han

Il governo italiano ha promesso chiarezza, ma intanto Han, che ha già esordito nella Nazionale del suo paese e che, nonostante l'inevitabile timidezza e le differenze culturali, a Perugia sembra integrato a meraviglia, vuole continuare a ridere e a scherzare con i suoi compagni italiani e naturalmente a segnare tanti gol in Serie B per coronare il sogno di riportare il Grifone in A.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.