Probabili formazioni Serie A: la quinta giornata

Nel turno infrasettimanale di campionato spiccano due match: Lazio-Napoli e Juventus Fiorentina. Inter a Bologna (martedì), Roma a Benevento. Il Milan ospita la SPAL.

Simone Inzaghi e Maurizio Sarri

310 condivisioni 3 commenti

di

Share

Neanche il tempo di riprendere fiato. Finita una settimana di grande calcio, condita anche da Champions ed Europa League, se ne apre un'altra con il doppio impegno. A cominciare dal turno infrasettimanale, valido per la quinta giornata di Serie A. Domani si riparte, un anticipo prima di tutti gli altri appuntamenti del mercoledì.

Come di consuetudine analizziamo le probabili formazioni di tutte le squadre e le scelte degli allenatori tra dubbi, certezze e indisponibilità. Ad aprire le danze saranno Bologna ed Inter, impegnate martedì nell'anticipo del turno infrasettimanale.

Le sfide del mercoledì di Serie A saranno tutte alle 20:45, eccezion fatta per la Roma: la squadra di Di Francesco infatti affronterà il Benevento alle 18:00. Durante la serata ci sarà l'imbarazzo della scelta, con Lazio-Napoli e Juventus-Fiorentina a rubare la scena.

Probabili formazioni Serie A: 5a giornata

Luciano Spalletti
L'Inter cerca la quinta vittoria consecutiva a Bologna

Ecco quindi le probabili formazioni della quinta giornata di Serie A, aperta dalla trasferta dell'Inter di Spalletti al Dall'Ara di Bologna.

Bologna-Inter (martedì, ore 20:45)

Alla ricerca della quinta vittoria consecutiva. Spalletti ci crede, i suoi ragazzi anche. Dopo la trasferta di Crotone c'è quella di Bologna. L'ex tecnico della Roma ha intenzione di cambiare poco o niente: Nagatomo e Dalbert si giocano il posto sulla fascia sinistra, mentre sulla trequarti Candreva e Joao Mario sono in vantaggio rispetto a Eder e Brozovic. Confermatissimo Icardi al centro dell'attacco. Bologna chiamato a vendicare la sconfitta subita a Firenze, con Donadoni incerto sul modulo: 4-2-3-1 o 4-3-3? Pulgar insidia Taider e Donsah, attenzione alla sorpresa Destro.

Bologna (4-3-3): Mirante; Krafth, Helander, Gonzalez, Masina; Poli, Taider, Donsah; Verdi, Palacio, Di Francesco. All. Donadoni.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Dalbert; Vecino, Gagliardini; Candreva, Joao Mario, Perisic; Icardi. All. Spalletti.

Benevento-Roma (mercoledì, ore 18:00)

Alessandro Florenzi

La vittoria senza patemi contro il Verona dà fiducia. La squadra di Di Francesco ha ritrovato le certezze smarrite contro l'Atletico Madrid, ma soprattutto ha riabbracciato il suo Florenzi. Utile in ogni ruolo nel quale viene impiegato, decisivo quando supera la metà campo. Chiedere a Dzeko per conferma. A proposito, contro il Benevento potrebbero esserci dei cambi in avanti: Defrel scalpita, la Roma pensa a un mini turnover nel turno infrasettimanale. Magari facendo riposare anche Manolas e Nainggolan, che è a rischio per un leggero risentimento muscolare. Out Schick per un risentimento muscolare. Un unico dubbio di formazione per Baroni: in difesa è ballottaggio aperto tra Letizia e Di Chiara.

Benevento (4-4-2): Belec; Venuti, Lucioni, Antei, Letizia; Lombardi, Cataldi, Memushaj, Lazaar; Armenteros, Coda. All. Baroni.

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Juan Jesus, Kolarov; Nainggolan, Gonalons, Strootman; Defrel, Dzeko, Perotti. All. Di Francesco.

Atalanta-Crotone (ore 20:45)

Alejandro Gomez

Un pareggio tutt'altro che esaltante quello dell'Atalanta a Verona, ma la chance di rifarsi è a portata di mano per gli uomini di Gasperini. Nella difesa a tre Toloi è in vantaggio su Palomino, mentre sull'out mancino Castagne dovrebbe rubare il posto a Gosens. È testa a testa sloveno sulla trequarti, con Ilicic e Kurtic che si giocano il posto alle spalle di Petagna, da valutare le condizioni di Conrelius. Nicola ha pochi dubbi: Martella dovrebbe partire titolare al posto di Pavlovic, mentre Trotta insidia Tonev al fianco di Budimir.

Atalanta (3-4-2-1): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Hateboer, Freuler, Cristante, Castagne; Ilicic, Gomez; Petagna; All. Gasperini.

Crotone (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ceccherini, Cabrera, Martella; Rodhen, Barberis, Mandragora, Stoian; Tonev, Budimir. All. Nicola.

Cagliari-Sassuolo (ore 20:45)

Il Cagliari batte la Spal

Sei punti nelle ultime due partite. Rastelli può sorridere dopo aver battuto il Crotone in casa ed aver espugnato lo stadio della SPAL. Il tecnico sardo potrebbe confermare in blocco gli 11 che hanno avuto la meglio sulla squadra di Semplici, con l'unica eccezione di Andreolli, insidiato da Ceppitelli. In attacco si va verso la conferma della coppia Pavoletti-Sau, con Farias che potrebbe riposare. Nonostante la sconfitta casalinga per mano della Juventus, Bucchi va avanti per la sua strada. Ragusa potrebbe completare il tridente con Falcinelli e Politano. Ballottaggio in difesa tra Letschert e Goldaniga, con l'italiano in vantaggio.

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Padoin, Ceppitelli, Pisacane, Capuano; Ionita, Cigarini, Barella; Joao Pedro; Sau, Pavoletti. All. Rastelli.

Sassuolo (3-4-3): Consigli; Cannavaro, Acerbi, Goldaniga; Lirola, Duncan, Magnanelli, Adjapong; Ragusa, Falcinelli, Politano. All. Bucchi.

Genoa-Chievo Verona (ore 20:45)

Il tecnico del Genoa, Ivan Juric

Settimana di fuoco per il tecnico del Genoa, Ivan Juric. Il Grifone arriva da tre sconfitte consecutive e quella contro il Chievo potrebbe essere una partita cruciale per il futuro dell'allenatore. Recuperato Bertolacci, squalificato nel match contro la Lazio, a centrocampo si dovrebbe rivedere Lazovic. In attacco confermato il baby bomber Pellegri, affiancato da Ricci e Taarabt. Ancora out Lapadula, c'è ottimismo per Pandev. Formazione tipo per Maran, che può contare su tutti gli effettivi. In difesa due maglie per tre uomini: Tomovic, Dainelli e Gobbi.

Genoa (3-4-3): Perin; Spolli, Rossettini, Zukanovic; Lazovic, Veloso, Bertolacci, Laxalt; Ricci, Pellegri, Taarabt. All. Juric.

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Cacciatore, Gamberini, Tomovic, Gobbi; Castro, Radovanovic, Hetemaj; Birsa; Inglese, Pucciarelli. All. Maran.

Hellas Verona-Sampdoria (ore 20:45)

Gianpaolo Pazzini

Non c'è da stare allegri nemmeno in casa dell'Hellas. Nelle prime quattro giornate sono arrivate 3 sconfitte e un pareggio in casa del Crotone. Peggior differenza reti della Serie A, con 11 gol subiti e appena uno fatto. I tifosi gialloblu si aspettano di rivedere Pazzini dal primo minuto: la squadra di Pecchia non può prescindere la suo centravanti. Souprayen è squalificato, Romulo giocherà sulla sinistra. Cerci si deve guardare le spalle da Valoti, bocciatura per il giovane Kean. Solito dubbio a centrocampo per Gianpaolo, con Linetty e Praet a contendersi la maglia da titolare.

Hellas Verona (4-2-3-1): Nìcolas; Caceres, Ferrari, Hertaux, Romulo; Buchel, B. Zuculini, Bessa; Cerci, Pazzini, Verde. All. Pecchia

Sampdoria (4-3-1-2): Puggioni, Bereszynski, Silvestre, Regini, Strinic; Barreto, Torreira, Praet; Ramirez; Quagliarella, Zapata. All. Giampaolo

Juventus-Fiorentina (ore 20:45)

Bernardeschi con la maglia della Juventus

Tutti gli occhi saranno puntati su di lui. Anche se non dovesse giocare. La scelta ovviamente spetta ad Allegri. Bernardeschi sì o Bernardeschi no? Attualmente Cuadrado è nettamente avanti, ma non è escluso che Federico possa fare il suo ingresso a partita in corso. Chi invece potrebbe riposare è Higuain: in tal caso Mandzukic andrebbe a fare la prima punta con l'inserimento a sinistra di Douglas Costa. Alle sue spalle Asamoah ha più di qualche chance di sostituire Alex Sandro. Solo due dubbi di formazione per Pioli, con Gaspar e Benassi in vantaggio rispetto a Laurini e Gil Dias.

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Chiellini, Rugani, Asamoah; Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain All. Allegri.

Fiorentina (4-2-3-1): Sportiello; Gaspar, Pezzella, Astori, Biraghi; Veretout, Badelj; Chiesa, Benassi, Thereau; Simeone. All. Pioli.

Lazio-Napoli (ore 20:45)

Immobile doppietta al Genoa

Il big match della quinta giornata è servito. Di fronte le due squadre più in forma della Serie A. È anche la sfida tra centravanti, con Immobile e Mertens partiti subito forte nella classifica capocannonieri. Sia Inzaghi che Sarri se la giocheranno con i migliori, non è il momento di fare esperimenti. In casa Lazio l'unica accortezza potrebbe essere quella di far respirare Luis Alberto, inserendo Lukaku con Lulic mezzala. Ma è solo un'ipotesi. Mentre per il Napoli l'unico ballottaggio è quello riguardante Hamsik e Zielinski, visto il momento non esaltante che sta attraversando il capitano azzurro.

Lazio (3-4-2-1): Strakosha; Bastos, de Vrij, Radu; Basta, Parolo, Lucas Leiva, Lulic; Milinkovic-Savic, Luis Alberto; Immobile. All. Inzaghi.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri.

Milan-SPAL (ore 20:45)

Kalinic con la maglia del Milan

Eccezion fatta per il passo falso dell'Olimpico contro la Lazio, è un Milan che va. Confermata la difesa a tre anche per la partita contro la SPAL, a desta Abate potrebbe avvicendarsi a Calabria. I dubbi riguardano esclusivamente le spalle di Kalinic. Suso e Bonaventura hanno funzionato alla grande, ma in panchina Calhanoglu reclama spazio. Stesso discorso per André Silva. Semplici continua ad affidarsi al duo Borriello-Antenucci in attesa di recuperare Floccari, ancora fermo ai box.

Milan (3-4-2-1): Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Abate, Kessiè, Biglia, Rodriguez; Suso, Bonaventura; Kalinic. All. Montella.

SPAL (3-5-2): Gomis; Salamon, Vicari, Vaisanen; Lazzari, Schiattarella, Viviani, Mora, Costa; Antenucci, Borriello. All. Semplici.

Udinese-Torino (ore 20:45)

De Paul con la maglia dell'Udinese

Pochi dubbi di formazione per entrambe le squadre, che si presentano alla quinta giornata con pochissime defezioni. Allora avanti con le squadre tipo: Del Neri ha solo un punto interrogativo da sciogliere in mezzo al campo: Fofana e Barak si contendono la maglia da titolare. Mihajlovic invece deve scegliere i terzini: il ballottaggio a destra è tra De Silvestri e Ansaldi, a sinistra tra Barreca e Molinaro.

Udinese (4-4-2): Scuffet; Larsen, Danilo, Nuytinck, Samir; De Paul, Fofana, Behrami, Jankto; Maxi Lopez, Lasagna. All. Del Neri.

Torino (4-2-3-1): Sirigu; De Silvestri, N’koulou, Moretti, Barreca; Rincon, Baselli; Iago Falque, Ljajic, Niang; Belotti. All. Mihajlovic.

Classifica

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.