Premier League, Mourinho: "Ecco perché vinco al secondo anno"

Dopo la vittoria per 4-0 sull'Everton lo Special One ha spiegato una volta per tutte perché il secondo anno alla guida di un club è sempre il più ricco di soddisfazioni.

1k condivisioni 15 commenti

di

Share

Nessuna distorsione della realtà. Le statistiche sono insindacabili e inopinabili. In questo caso ci servono per constatare che José Mourinho è un allenatore vincente.

E ripercorrendo la sua carriera ci si accorge che lo Special One è più bravo del solito in concomitanza con l'inizio della seconda stagione alla guida di un club. Più bravo perché a fine stagione riesce sempre a conquistare uno o più trofei.

È capitato al Porto, poi al Chelsea, all'Inter, al Real Madrid e ancora al Chelsea. E quest'anno, forse, potrebbe accadere con il Manchester United. Al secondo anno nei club allenati Mourinho è riuscito a conquistare la bellezza di 11 trofei sui 25 totali che ha in bacheca.

Mourinho e la sua gioia per la conquista della Champions League con il Porto

Premier League, Mourinho e il secondo anno

Il dato, che potrebbe essere presto aggiornato vista la partenza a razzo del Manchester United sia in Premier League che in Champions League, gli è stato ricordato nella conferenza stampa che ha seguito la travolgente vittoria per 4-0 sull'Everton, maturata all'Old Trafford ieri pomeriggio grazie alle reti di Valencia, Mkhitaryan, Lukaku e Martial. 

L'esultanza di Lukaku verso i tifosi dell'Everton

Ho vinto nella prima (8 titoli, ndr), ho vinto nella terza e ho vinto anche nella seconda. L'unica cosa che cambia è la tua influenza sulle decisioni di calciomercato e sulla pre-season in generale: quando sono arrivato qui lo scorso anno tutto era già deciso, dalle tournée ai giocatori da vendere e acquistare. Non ho messo bocca più di tanto e questo un po' mi ha penalizzato. 

Poi Mourinho ha continuato:

Credo che la seconda stagione sia la migliore, e sto parlando in generale, perché è la prima vera stagione da allenatore: puoi organizzare l'intera stagione, decidere quali giocatori comprare e quali lasciare andare, quali sono adatti a particolari condizioni di lavoro e via dicendo. Hai un'influenza diversa rispetto a quella del primo anno. 

La commozione di Mourinho dopo il raggiungimento della finale di Europa League

Con il Manchester United non gli è andata poi così male neanche al primo anno: Coppa di Lega, Community Shield ed Europa League messi in bacheca. Tre trofei per cominciare non sono davvero niente male. Ma al secondo anno Mourinho fa sempre meglio. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.