Eurobasket 2017: Slovenia o Serbia, chi sarà la regina d'Europa?

Dopo aver eliminato Spagna e Russia, le due nazionali balcaniche si sfidano nella finalissima. Occhi puntati sui fenomeni Doncic e Bogdanovic, vere superstar dell'europeo.

Doncic e Bogdanovic, le stelle

65 condivisioni 1 commento 0 stelle

di

Share

Dopo 74 partite e quasi venti giorni di spettacolo e grande pallacanestro, il lungo cammino di Eurobasket 2017 è giunto al termine. La quarantesima edizione del campionato europeo ha regalato tante emozioni e grandi sorprese. Diverse squadre come Francia, Israele, Croazia e Lituania hanno deluso le aspettative, venendo eliminate agli ottavi o addirittura alla fase a gironi. Altre nazionali, invece, sono letteralmente esplose, sorprendendo tutti per il bel gioco mostrato e i risultati ottenuti: due squadre su tutte sono Lettonia e Slovenia.

E proprio la Slovenia è una delle due finaliste di questa edizione di Eurobasket. Di fronte si troverà la Serbia, squadra che nei quarti di finale ha eliminato l'Italia di Datome e Belinelli.

Per entrambe la vittoria della medaglia d'oro sarebbe una prima volta: nessuna delle due nazionali, infatti, ha mai vinto un campionato europeo. L'unica ad andarci vicina è stata la Serbia nel 2009 quando portò a casa l'argento.

Il percorso ad Eurobasket

Come detto, la Slovenia è una delle più belle sorprese di questo campionato europeo. La squadra allenata dal serbo Igor Kokoškov, nonostante fosse tra le più giovani del torneo (appena 25.2 anni di media), non ha ancora perso nemmeno una partita. Nella fase a gironi gli sloveni hanno raccolto cinque vittorie in altrettante partite, piegando corazzate come Grecia e Francia e chiudendo al primo posto nel gruppo A. Se negli ottavi, contro l'Ucraina, gli sloveni hanno avuto vita facile, lo stesso non si può dire per le due successive partite. Nei quarti e in semifinale Dragic e soci hanno affrontato rispettivamente Lettonia e Spagna: nella sfida alla squadra di Porzingis (senza dubbio il match più spettacolare di tutto Eurobasket), la Slovenia ha sudato sette camice prima di imporsi 103-97; contro la Spagna, invece, la giovane nazionale della Dalmazia ha dato lezioni di pallacanestro, rifilando un netto +20 ai campioni d'Europa in carica.

i giocatori serbi
La gioia dei giocatori della Serbia dopo la semifinale vinta sulla Russia

Al netto delle tante e pesanti assenze, la Serbia è stata fin dall'inizio una delle favorite alla vittoria finale. Inserita nel gruppo D, la squadra allenata da Sasha Djordjevic ha chiuso al primo posto il girone con quattro vittorie su cinque partite, piegando Lettonia, Turchia, Belgio e Gran Bretagna. L'unica sconfitta di questo Eurobasket è arrivata contro la Russia nella seconda giornata. Negli ottavi i serbi hanno regolato abbastanza agevolmente l'Ungheria, mentre nei quarti di finale hanno eliminato gli azzurri di Ettore Messina. In semifinale, infine, è arrivata la rivincita sulla Russia, in una partita tutt'altro che semplice.

Le stelle in campo

Nonostante l'assenza della favoritissima Spagna o di altre nazionali "big", non mancheranno i campioni in questa finale. Entrambe le squadre possono contare su giocatori dal talento smisurato, capaci di cambiare l'inerzia del match in ogni momento. Il terminale offensivo numero uno della Slovenia è Goran Dragic. Il giocatore dei Miami Heat è il quinto miglior realizzatore del torneo con 21 punti di media a partita. Al suo fianco c'è un altro fenomeno: Luka Doncic. A soli 18 anni il baby fenomeno del Real Madrid sta facendo vedere numeri impressionanti, mai visti prima. Le sue giocate da leader e da veterano sono state fondamentali nella lunga cavalcata slovena fino alla finale. Infine un'altra pedina importante della Slovenia è Anthony Randolph, americano naturalizzato sloveno la scorsa primavera.

gli sloveni Doncic e Dragic
Le due superstar della Slovenia, Luka Doncic e Goran Dragic

Il giocatore più pericoloso della Serbia è Bogdan Bogdanovic. Campione d'Europa col Fenerbahce e prossimo allo sbarco in NBA con i Sacramento Kings, Bogdanovic sta viaggiando a 20.3 punti di media a partita ed è stato il miglior marcatore serbo in cinque delle otto partite disputate. Sotto canestro la Serbia può contare su un altro NBA: Boban Marjanovic. Altro 222 centimetri, il centro dei Detroit Pistons è il secondo miglior marcatore dei serbi con oltre 13 punti a partita.

La chiave

La Slovenia, con 90 punti a partita, ha il secondo miglior attacco di tutto Eurobasket, secondo solo alla Lettonia.La squadra di coach Kokoškov predilige un gioco veloce, fatto di corse e di tiri in contropiede. La Serbia, invece, preferisce un gioco più ragionato, in cui la palla passa dalle torri Marjanovic e Kuzmic dentro l'area. Chi saprà imporre il proprio ritmo alla partita avrà grandi opportunità di portare a casa la partita e, di conseguenza, la medaglia d'oro.

La finale per il terzo posto

Prima della finalissima, però, alla Sinan Erdem Arena di Istanbul ci sarà la finale per il terzo posto. In campo ci saranno le due squadre uscite sconfitte dalle semifinali, ossia la Spagna e la Russia. Gli spagnoli allenati dall'italiano Sergio Scariolo erano i grandi favoriti alla vigilia del torneo ma sulla loro strada hanno trovato il ciclone Slovenia e sono stati letteralmente spazzati via. Dopo la cocente sconfitta, gli iberici vogliono immediatamente risollevarsi con una medaglia. La Spagna, negli ultimi nove Europei, è salita sul podio in ben 8 occasioni e contro i russi cercano la sesta medaglia consecutiva.

lo spagnolo Gasol
La carica del capitano della Spagna Pau Gasol

La Russia, dal canto suo, cerca una medaglia che manca dal 2011. Anche in quell'edizione fu medaglia di bronzo. Il torneo disputato fin qui dai russi è sicuramente molto positivo. In pochi infatti avrebbero scommesso di vedere la squadra di Bazarevic tra le prime quattro d'Europa.

Il programma

Domenica 17 settembre 2017

17:00 Spagna - Russia (diretta Sky Sport HD)

20:30 Slovenia - Serbia (diretta Sky Sport HD)

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.