Liga, Joaquin è infinito: il Betis batte 2-1 il Deportivo La Coruña

Il capitano apre e chiude i conti con una doppietta: i Beticos ringraziano l'ex Fiorentina e volano a sei punti in classifica.

216 condivisioni 4 commenti 0 stelle

di

Share

Non date retta alla carta d'identità di Joaquin: 21 luglio 1981, 36 anni... tutto giusto, ma l'ex Fiorentina è uno di quei giocatori senza fine. È grazie alla doppietta del suo capitano, che il Betis batte il Deportivo La Coruña: al Benito Villamarín finisce 2-1. Il vecchio Pisha apre e chiude i conti: nel mezzo, il momentaneo pari di Cartabia che illude i galiziani.

I tre punti, però, i padroni di casa li hanno cercati per tutto l'incontro. La formazione di Quique Setién centra così la seconda vittoria in Liga e volano a sei punti. Non solo: era dal 2011/12 che i Beticos non vincevano le prime due partite consecutive in casa.

Il Depor guarda invece la classifica e comincia a preoccuparsi: un solo punto nelle prime quattro giornate, un bottino che rischia di "candidare" i Turcos a una lunga lotta per la salvezza. Non era certo questo l'inizio che sognava Pepe Mel, il tecnico bianco-blu tornato oggi in quella che è stata la sua casa fino allo scorso campionato. Per lui, però, la legge del grande ex non ha funzionato.

Liga, Betis v Deportivo La Coruña: apre Joaquin, risponde Cartabia

Al Benito Villamarín l'atmosfera è euforica, gioiosa, ben oltre l'effetto dei tre punti in classifica. I tifosi beticos credono nel progetto di Quique Setién e si affidano all'intramontabile capitan Joaquin. Fanno bene? Fanno benissimo: al 14' il capitano li ripaga con gli interessi. L'azione del vantaggio dei padroni di casa si apre e si chiude nel segno degli ex Fiorentina: Tello serve sulla destra Barragan, cross per l'inzuccata di Sergio Leon e respinta corta dell'ex City Pantilimon. Il Pisha però non perdona e di testa regala il vantaggio al Betis.

I Verderones avranno diverse occasioni nel primo tempo per siglare il raddoppio: un paio di conclusioni di Tello, il sinistro alto di Durmisi, ancora un colpo di testa di Joaquin ma soprattutto quello dell'ex PSV Guardado. Eppure le squadre tornano negli spogliatoi sull'1-1: tutto merito del gran gol di Fede Cartabia. Mentre la traversa - dopo il bolide di Celso Borges - sta ancora tremando, il classe '93 in prestito dal Valencia raccoglie il pallone, si libera di un paio di avversari e scaglia un sinistro imparabile per Adán: per il concetto di "minimo sforzo/massimo risultato", chiedete pure al Deportivo La Coruña.

Ci pensa sempre lui, il capitano

Il Villamarín invoca i tre punti, i Verdiblancos fanno di tutto per accontentarli. Dopo appena tre minuti dall'inizio della ripresa, l'episodio che avrebbe potuto cambiare il match. Durmisi entra in area e cade dopo un contatto con Guilherme: l'arbitro Undiano Mallenco prima assegna il rigore per il Betis, poi accoglie il consiglio del guardalinee e ammonisce il terzino danese per simulazione (la Liga, ricordiamo, non ha ancora adottato il VAR).

Più passano i minuti, più le squadre si allungano. I padroni di casa ci credono, sentono il profumo di una vittoria decisamente meritata. La ricompensa arriva al 76': Guardado s'inventa un filtrante eccezionale per Joaquin, che ha tutto il tempo di battere Pantilimon. Il Villamarín impazzisce, il tributo è tutto per il loro capitano. Il Deportivo La Coruña si lecca invece le ferite: la classifica di Liga è già minacciosa.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.