Formula 1, McLaren - Honda matrimonio finito: a breve l'annuncio

Firmata la rescissione, a Singapore potrebbe arrivare l'ufficialità. Accordo già trovato con la Renault per il 2018. E Alonso sorride: il suo rinnovo è una formalità.

Formula 1, addio tra McLaren e Honda

144 condivisioni 2 commenti 5 stelle

di

Share

Fine del rapporto più tormentato della Formula 1. McLaren e Honda divorziano, l’annuncio ufficiale arriverà a breve. La scuderia inglese ha deciso di interrompere con un anno d’anticipo l’accordo per i motori giapponesi. Dal 2015 sono arrivati pessimi risultati, nel futuro c’è la Renault.

Ruolo cruciale nell’addio alle power unit orientali ce l’ha avuto Fernando Alonso. In scadenza di contratto a fine anno, ha messo alle spalle i dirigenti di Woking: o io o loro. L’asturiano, stanco di prestazioni ridicole, ha posto come condizione unica per il rinnovo l’addio alla Honda. Adesso il suo prolungamento è dietro l'angolo.

Via al valzer dei motori in Formula 1. La Honda dal 2018 motorizzerà la Toro Rosso, la Renault invece la McLaren. Ufficialità prevista in questo fine settimana di corse a Singapore.

Formula 1, McLaren saluta la Honda
Formula 1, la McLaren dice addio alla Honda: tocca alla Renault

Formula 1, fine della storia: McLaren e Honda si salutano

‘McLaren-Honda il ritorno’ non ha funzionato questa volta. Le due aziende hanno dominato la Formula 1 tra il 1988 e il 1992. La partnership rinnovata nel 2015 ha dato solo risultati disastrosi. La rottura del rapporto, con un anno d’anticipo, costa cara agli inglesi: circa 88 milioni di euro. Sconosciuti per ora i costi per la nuova fornitura targata Renault. Che dovrebbe valere fino al 2020. Dal 2021, con il nuovo regolamento sui motori, in casa McLaren non escludono una produzione propria di power unit. 

✈️Singapore✈️ #nightrace #f1 #mclaren #honda #14 #singapore

A post shared by Fernando Alonso (@fernandoalo_oficial) on

Fernando Alonso rimane

I costi altissimi, la fuga di alcuni sponsor, i risultati scadenti. Serve invertire la rotta e soprattutto rientrare nel budget. Ecco che si prepara una bozza di contratto per Alonso, con cifre al ribasso rispetto ai 30 milioni all’anno guadagnati fin qui. Non sarà un problema. A Singapore è apparso sorridente e sereno, sa già dell’annuncio che tanto ha voluto. Con la Renault è diventato grande. Nel 2018 sarà tutta un’altra storia, ma lui è sicuro: la MCL32 è una grande macchina. Il problema è solo il motore. Lo confermano i 9 ritiri su 12 GP. Un calvario.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.