WWE SmackDown, follia Kevin Owens: attacco shock a Vince McMahon

Violenta aggressione di KO al magnate della World Wrestling Entertainment: ora se la vedrà con il figlio in un Hell in a Cell Match.

Vince McMahon a terra dopo l'attacco di Kevin Owens a WWE SmackDown

265 condivisioni 20 commenti 2 stelle

di

Share

Ben tre titoli in palio e il grande ritorno del boss, Vince McMahon. Con queste premesse ci avviamo verso una puntata di WWE SmackDown piena di spunti interessanti, che si terrà al Thomas and Mack Center di Las Vegas, in Nevada.

Le attenzioni sono ovviamente tutte sul ritorno del proprietario della World Wrestling Entertainment, che dovrà parlare con Kevin Owens per discutere di quanto successo la scorsa settimana, quando suo figlio Shane lo ha aggredito.

Poi vedremo Natalya difendere il titolo di campionessa femminile di WWE SmackDown dall’attacco di Naomi, AJ Styles mettere in palio la sua cintura di US Champion con Tye Dillinger e il Tag Team Championship Match, un Sin City Street Fight, tra i campioni degli Usos e gli sfidanti, il New Day. Non resta che cominciare il racconto, come sempre nella rubrica WWE-ek SmackDown, a cura di FOX Sports.

WWE SmackDown

Il primo a fare il suo ingresso sul ring è Kevin Owens, che ci dà il benvenuto nel suo Show (?), che si sostituirà a WWE SmackDown. Presenta cambiamenti e miglioramenti, il primo suo provvedimento sarà licenziare Sami Zayn, poi Fashion FIles sarà cancellato e la persona a cui comunicherà tutto: Vince McMahon.

Suona però la musica di Shane, accolta con sonori “no” da parte di Kevin Owens. Dallo stage esce Dolph Ziggler, vestito dal Shane McMahon, continuando così le sue imitazioni iniziate la scorsa settimana.

Dopo questo siparietto suona poi la musica di Daniel Bryan e stavolta è quello vero. Owens assicura che pronto per lui un ruolo di punta, nelle pulizie. Il General Manager non cade nelle provocazioni e gli dice che presto parlerà con Vince McMahon e che non gli piacerà quello che dovrà dirgli. KO dice di non avere paura e che sarà lui a dire a Vince qualcosa che non gli piacerà.

AJ Styles (C) vs Tye Dillinger

Il primo match della serata mette subito in palio il titolo degli Stati Uniti di AJ Styles, di fronte a lui Tye Dillinger. Gran bel match, che si chiude con la Calf Crusher che porta alla sottomissione di Perfect Ten e alla conseguente conservazione della cintura del Phenomenal, nonostante il tentativo di disturbo da parte di Baron Corbin.

Al termine dell’incontro i due si danno la mano, ma mentre AJ Styles si avvia verso gli spogliatoi viene colpito brutalmente da Baron Corbin, che annuncia un match tra di loro la settimana prossima.

Backstage

Dasha Fuentes ha Rusev come ospite. Il bulgaro sottolinea come a Summerslam abbia subito la più grossa umiliazione della carriera e che adesso abbia solo un’alternativa per tornare in alto: affrontare una leggenda.

Poi andiamo sul ring, dove Jinder Mahal e i Singh Brothers si mettono a prendere per i fondelli Nakamura, con la promessa che l'indiano resterà campione WWE a lungo.

Poi incrociamo con le telecamere un dialogo tra Kevin Owens e Sami Zayn, con il primo che dice al secondo che presto sarà di nuovo senza lavoro, come quando avevano iniziato insieme questa carriera. Zayn replica che preferisce essere senza lavoro che lavorare per lui.

The New Day vs The Usos (C)

Secondo incontro e secondo titolo in palio. Stavolta sono i campioni di coppia degli Usos a dover difendere le loro cinture dall’attacco del New Day, in un Sin City Street Fight Match. A vincere, dopo un incontro sensazionale, sono gli sfidanti, che grazie alla Midnight Hour eseguita da Kofi Kingston su Jimmy diventano così campioni per la quarta volta (due a Raw e due a WWE SmackDown).

Naomi vs Natalya (C)

Eccoci arrivati al terzo match consecutivo con in palio un titolo, stavolta quello di campionessa femminile di WWE SmackDown di Natalya. Di fronte a lei Naomi, con Carmella ed Ellsworth al tavolo di commento e l'atleta UFC Ronda Rousey tra il pubblico.

Quando Naomi spinge Natalya fuori dal ring, Carmella si alza con fare minaccioso, ma viene colpita proprio dall’ex campionessa, che si lancia su lei ed Ellsworth con un Pescado.

Ne approfitta però Natalya, che lancia prima la sua avversaria contro il paletto, poi la riporta sul ring e la intrappola nella Sharpshooter decisiva.

Backstage

Prima assistiamo a Kevin Owens che parla con Aiden English e gli propone una collaborazione per quanto riguarda la sigla cantata del suo nuovo show, poi parte quello di Dolph Ziggler. Così come aveva fatto la settimana scorsa, se la prende con il pubblico che preferisce le gimmick alle doti atletiche e inizia a scimmiottare prima Bayley, poi The Ultimate Warrior. Così come l’altra volta, sottolinea che tutti possono fare queste cose, ma nessuno può fare quello che sa fare lui sul ring.

Hype Bros vs Chad Gable e Shelton Benjamin

Eccoci all’ultimo match della serata, il primo senza titoli in palio. Un bell’incontro tra Tag Team, con la nuova coppia composta da Chad Gable e Shelton Benjamin di fronte all’esame Hype Bros. Vincono anche stavolta, con una bella azione combinata che porta alla The World's Greatest Finisher. A fine match Mojo Rawley stringe la mano agli avversari, Zack Ryder non è d’accordo, si volta e se ne va (possibile split in vista).

Il ritorno di Vince McMahon

Siamo alla parte più attesa della serata, il ritorno di Vince McMahon. Il primo a salire sul ring è comunque Kevin Owens, molto nervoso. Ecco che suona la musica del proprietario della WWE, Vince McMahon è arrivato! Raggiunge il ring, molto teso anche lui. Kevin Owens prende il microfono e chiede di poterlo chiamare per nome, dicendo di essere emozionato. Vince non è però dello stesso avviso e parte con la ricostruzione di quanto accaduto settimana scorsa, quando Shane lo ha “preso a calci nel sedere”.

E dice che lui non ha reagito perché non ha potuto, non certo per rispetto dell’autorità. Autorità a cui ha deciso fare causa. Ecco, se la causa andrà avanti, vincerà la famiglia McMahon come sempre, perché funziona così in America, e lui è ricchissimo.

A a quel punto le uniche parole saranno quelle famose: “You’re fired”. Vince dice di aver sospeso Shane perché non ha finito il lavoro, così suo figlio sarà reintegrato e lo sfiderà in un Hell in a Cell Match. Kevin Owens accetta, ma vuole la garanzia che non sarà licenziato se lascerà a terra privo di sensi un McMahon. Vince gli dà la sua parola che sarà così e i due si stringono la mano. Incredibile! Kevin Owens dà una testata violentissima (VERA) a Vince McMahon, facendolo cadere a terra sanguinante.

E non è ancora finita, The New Face of America sottolinea come Vince gli abbia appena dato la parola e di non poterlo licenziare per quello che sta facendo, poi insiste con calcio nell’addome, un Superkick e una Frog Splash. Solo a questo punto se ne va, quasi sotto choc e incrocia Stephanie McMahon, che lo minaccia consigliandogli di sparire subito, per poi andare in soccorso del padre. Un finale davvero scioccante.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.