Gli esordi nei nuovi stadi: dallo Stadium al Wanda Metropolitano

I ragazzi di Simeone, sabato contro il Malaga (diretta su Fox Sports), inaugureranno in Liga il Wanda Metropolitano. Ecco gli ultimi esordi nei nuovi stadi.

486 condivisioni 12 commenti 0 stelle

di

Share

Ci mancherà. Quante emozioni ci ha regalato l'Estadio Vicente Calderòn? Cinquant'anni abbondanti di passione, di Colchoneros, di talenti, emozioni e battaglie. Storie. Già, perché alla fine uno stadio è molto di più di un semplice impianto sportivo. In origine fu l'Estadio Manzanares, inaugurato il 2 ottobre del 1966 con una partita tra Atletico Madrid e Valencia. Poi, nel 1971, venne cambiato il nome all'impianto in onore dell'allora presidente del club, proprio lui: il Signor Vicente Calderòn.

Vicente non è nato ricco. Anzi, fu un ragazzo parecchio sfortunato: rimase orfano a 20 anni, per questo dovette da subito farsi da solo, contando esclusivamente sulle proprie forze. E cosa vi ricorda questo modo di intendere la vita? Esatto, una filosofia chiamata 'Cholismo'. Ovvero, semplicemente, il DNA dell'Atletico Madrid. Che il 21 maggio del 2017 ha giocato contro l’Athletic Bilbao la sua ultima gara ufficiale al Vicente Calderòn, 50 anni dopo la sua apertura. Noi, su Fox Sports, quel giorno ve l'abbiamo raccontato in diretta, ma adesso è arrivato il momento di voltare pagina. E di entrare nella nuova casa Colchoneros, il nuovo Wanda Metropolitano. Quando? Sabato, alle ore 20.45, su Fox Sports (canale 204 di Sky).

Ah, precisazione doverosa: quel bambino rimasto orfano alla fine è diventato uno stimato businessman. Ma non solo, perché Calderòn ha plasmato una delle società più in simbiosi con i propri tifosi. Sì, merito di quello stadio. Questione di amore e identità. Animo. Dalla benedizione del terreno nel 1958 agli infiniti duelli in campo: storie di rimonte, come la prima al Sant'Elia (altro stadio appena archiviato) contro il Cagliari il 5 novembre del 1970, segnata dai gol della leggenda Aragones. Che andò in gol anche il 20 maggio 1973 contro il Deportivo, nella prima Liga vinta dall'Atletico Madrid davanti al proprio pubblico. Passando per i Mondiali del 1982, fino alla rimonta da 0-3 contro il Barcellona: tripletta di Romario più Caminero, calcio 'loco'. Passando alle ultime, grandi notti di Champions League, dal super gol di Saul contro il Bayern Monaco nel 2016 all'ultima partita contro il Real Madrid nel 2017. Ovvero la 50ª in Coppa Campioni al Calderòn.

Atletico Madrid, il nuovo inizio al Wanda Metropolitano

Diego Simeone
Diego Simeone è pronto a battezzare il nuovo Wanda Metropolitano

Una nuova era, altri capitoli, altre lacrime e gioie. E sarà il Malaga la prima avversaria a giocare al Wanda Metropolitano. L'Atletico Madrid arriva alla partita dopo il pareggio di Roma in Champions League. Sale dunque l'attesa per vedere i ragazzi di Simeone in quello che sarà il loro stadio del futuro, scintillante, infarcito di novità high-tech, dai materiali utilizzati all'illuminazione adottata. Stupendo. Il tutto in un calcio che sta cambiando sempre più, tra nuove proprietà e ammodernamenti vari. Partendo proprio dagli stadi, i templi del pallone. E allora scopriamo assieme gli ultimi debutti vincenti delle squadre nelle loro nuove case.

Il battesimo dello Juventus Stadium

Stadium
Tutto il bello dello Stadium

Suoni, atmosfera, colori e luci: un minimo comune denominatore, il bianconero. Non enorme, ma caloroso e moderno. Fruibile. Sì, questo è lo Juventus Stadium, oggi con il nome di Allianz Stadium. Inaugurato l'8 settembre 2011, sorge sulla stessa area del preesistente e demolito Delle Alpi. 

Sogno impianti a misura di famiglia. Non ne posso più di questi scatoloni così esagerati, così scomodi.

L'antefatto partì proprio dalle parole da queste parole di Umberto Agnelli, nel 1996. La prima partita ufficiale si svolse l'11 settembre 2011, contro il Parma: 4-1 e via, ciclo bianconero di vittorie ben propiziato. Campionati e notti Europee da veri protagonisti, merito anche delle 41107 persone dello Stadium.

Benvenuta, Sardegna Arena

Cagliari
L'emozione della Sardegna Arena

Aria puramente sarda. Il 10 settembre 2017 il Cagliari ha tolto i veli alla sua nuova casa: la Sardegna Arena. 1-0 contro il Crotone, con il primo gol segnato proprio da un sardo: Marco Sau. Già, chiamalo destino. Un impianto provvisorio, in attesa che vengano completati i lavori di demolizione e costruzione del nuovo Sant'Elia. Ma già abbracciato dalla brezza della passione sarda.

Disastro West Ham

West Ham
Il London Stadium del West Ham

Difficile, invece, la partenza dei ragazzi di Bilic nell'imponente Olympic Stadium di Londra. Dalla sconfitta del 25 agosto nel primo turno di playoff di Europa League contro l'Astra Giurgiu alle tre sconfitte consecutive nell'avvio di Premier League. 

La maestosa casa del Bayern Monaco

Bayern Monaco
L'Allianz Arena

Quanti campioni sono passati. Quanti fiumi di birra lo hanno bagnato per festeggiare i numerosi Meisterschale del Bayern Monaco. Thats's Allianz Arena, situato nel quartiere di Fröttmaning alla periferia settentrionale di Monaco. Inaugurato il 30 maggio 2005 e dalla capienza di 75.00 posti. Il costo? 340 milioni di euro.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.