Eurobasket 2017, le avversarie dell'Italia: scopriamo la Serbia

Orfana di alcune delle sue stelle più brillanti, la squadra serba punta tutto sul fenomeno Bogdanovic e sul gigante Marjanovic. I precedenti non sorridono all'Italbasket.

Macvan, Bogdanovic e Marjanovic

70 condivisioni 2 commenti

di

Share

L'Italbasket è tra le prime otto d'Europa. Dopo le grandi aspettative di giugno e le altrettanto grandi diffidenze per l'assenza forzata di Danilo Gallinari, la squadra di Ettore Messina ha raggiunto i quarti di finale di Eurobasket 2017.

A trascinare la squadra azzurra sono stati prevalentemente i due giocatori più rappresentativi, ossia Marco Belinelli e Gigi Datome. Il bolognese con le sue triple si è imposto come miglior marcatore della squadra (17.8 punti di media); il capitano, invece, si sta dimostrando un muro difensivo a suon di stoppate.

Fin qui l'Italia ha vinto quattro delle sei partite disputate, arrendendosi a Lituania e Germania. Negli ottavi il team azzurro si è sbarazzato della Finlandia, rischiando comunque qualcosa nel finale. Ora sul suo cammino c'è la temibilissima Serbia, che negli ottavi ha battuto l'Ungheria non senza qualche difficoltà. Andiamo allora ad analizzare più da vicino la squadra serba.

Eurobasket: alla scoperta della Serbia

A regime completo la Serbia potrebbe tranquillamente essere una delle squadre più forti al Mondo. In questo Europeo, però, la nazionale balcanica sta facendo a meno di diverse stelle. Una su tutte Milos Teodosic, assente per un problema al polpaccio. Oltre al playmaker dei Clippers mancano campioni del calibro di Jokic, Milutinov, Dangubic, Bjelica e Raduljica. Mezza squadra, insomma.

Coach Djordjevic
L'allenatore della Serbia, Sasha Coach Djordjevic

I nomi a disposizione di Aleksandar Sasha Djordjevic (vecchia conoscenza del basket italiano, sia come giocatore che come allenatore) rimangono comunque di primissimo livello. A guidare la squadra in campo c'è Stefan Jovic, reduce da un'ottima stagione alla Stella Rossa e prossimo giocatore di Djordjevic al Bayern Monaco. Tra gli esterni occhio a Guduric, altro ex Stella Rossa e ora erede di Bogdanovic al Fenerbahce, e a Branko Lazic (Bayern). Un altro giocatore a cui prestare parecchia attenzione è l'ex Olimpia Milan Macvan, terzo miglior marcatore serbo con oltre 10 punti a partita. Sotto canestro, infine, c'è un altro ex Stella Rossa, Ognjen Kuzmic, prossimo lungo del Real Madrid.

Le stelle

I giocatori più pericolosi a disposizione del ct Djordjevic però sono Boban Marjanovic e Bogdan Bogdanovic. Sono loro i due migliori marcatori della Serbia ad Eurobasket: il lungo segna di media 13 punti di media a partita (a cui vanno aggiunti 4.5 rimbalzi), mentre la guardia viaggia a 19.3 punti e 5.3 assist di media ad allacciata di scarpe. In pratica, i due giocatori producono da soli quasi la metà dei punti della Serbia (che viaggia ad 81 a partita).

i serbi Bogdanovic e Marjanovic
Bogdanovic e Marjanovic, le due stelle di questa Serbia

Marjanovic, lungo di 223 centimetri, è in NBA dal 2015, anno in cui firmo un contratto con i San Antonio Spurs. Dall'anno successivo invece è ai Detroit Pistons, con cui si è guadagnato minuti importanti. Le sue lunghe leve e la sua altezza lo rendono un giocatore a dir poco immarcabile sotto canestro. Bogdanovic, invece, in NBA debutterà il prossimo ottobre con la maglia dei Sacramento Kings. Nell'ultima stagione, Bogdan è stato uno dei protagonisti del Fenerbahce: insieme al'azzurro Datome, infatti, il giocatore Belgrado si è laureato campione d'Europa portandosi a casa l'Eurolega. 

La prima fase dell'Europeo

Inserita nel gruppo D, la Serbia ha superato agevolmente la prima fase portando a casa quattro vittorie e solo una sconfitta. Nella prima giornata i serbi hanno domato la Lettonia del fenomeno Porzingis per 92-82, grazie soprattutto ai 30 punti di Bogdanovic. Nella seconda giornata è arrivata l'unica sconfitta: a mettere al tappeto la squadra di Djordjevic ci ha pensato la Russia di un indiavolato Shved per 75-72. Nella terza giornata la Serbia hanno battuto i padroni di casa della Turchia per 80-74, mentre nelle ultime due giornate sono arrivate le facili vittorie con Belgio e Gran Bretagna. Negli ottavi di finale, infine, è arrivata la vittoria contro la tutt'altro che irresistibile Ungheria.

La storia e i precedenti con l'Italbasket

La squadra serba, formatasi nel 2006 dopo lo scioglimento della Confederazione serbo-montenegrina, è considerata l'erede diretta della nazionale jugoslava, visti i numerosi giocatori serbi che ne hanno fatto parte. La prima apparizione della nazionale sotto il nome esclusivamente di Serbia è stata ad Eurobasket 2007, in Spagna, dove non è riuscita ad andare oltre la prima fase a gironi. All'Europeo 2009 una giovanissima nazionale, dopo i tanti ori conquistati a livello giovanile, si è portata a casa la medaglia d'argento, arrendendosi in finale alla fortissima Spagna. Tutt'ora quell'argento rimane il punto più alto di una squadra ancora molto giovane.

l'italiano Gentile
Nel 2015 non bastarono i 19 punti di Ale Gentile per battere la Serbia

In estate Italbasket e Serbia si sono affrontate nel torneo dell'Acropolis. A vincere è stata la squadra serba, capace di imporsi 73-65 grazie ai 21 punti di Marjanovic; agli azzurri, invece, non sono bastati i 20 di Marco Belinelli. Nei cinque precedenti ad Eurobasket l'Italia non è mai riuscita ad avere la meglio sulla Serbia. La squadra jugoslava rappresenta quindi un tabù per la nazionale italiana.

L'Italia (che giocherà con il lutto per commemorare le vittime dell'alluvione di Livorno) dovrà puntare ancora una volta sulla difesa. Fermare le scorribande di Bogdanovic e impedire vita facile a rimbalzo a Marjanovic dovranno essere i primi due imperativi, senza dimenticarsi di tutte le altre armi su cui coach Djordjevic può contare. In attacco spetterà ancora a Belinelli e Datome trascinare l'Italbasket. Proprio come per la sfida con la Finlandia, questa è una partita da dentro o fuori. Serviranno quindi concentrazione e grinta per raggiungere un'insperata semifinale.

Il programma dei quarti

Martedì 12 settembre 2017

17:45 Germania - Spagna (diretta Sky Sport HD)

20:30 Slovenia - Lettonia (diretta Sky Sport HD)

Mercoledì 13 settembre 2017

17:45 Grecia - Russia (diretta Sky Sport HD)

20:30 Italia - Serbia (diretta Sky Sport HD)

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.