E se sparisse il calciomercato di gennaio?

L'indiscrezione del Sun conferma la volontà dei grandi club europei di voler rivoluzionare il sistema delle finestre di trasferimento introdotto nel 2003.

442 condivisioni 11 commenti

di

Share

Un altro radicale cambiamento potrebbe interessare il calendario calcistico europeo. Dopo la scelta della Premier League di anticipare la chiusura del calciomercato estivo a prima dell'inizio del campionato - scelta che verrà presumibilmente imitata dalle altre leghe - sempre dall'Inghilterra arriva la notizia che, ora, è l'intero calciomercato di gennaio a essere a rischio. 

Secondo quanto raccolto dal Sun, i club facenti parti dell'aristocrazia europea tradizionale starebbero pensando all'abolizione della sessione invernale del mercato. Il principio ispiratore sembra essere il medesimo: impedire che le competizioni siano in qualche modo condizionate in corso d'opera dalle trattative. Anche in questo caso, per il tabloid inglese, l'obiettivo mascherato è sempre il PSG e il suo portafoglio senza fondo. 

Il sistema delle finestre di mercato così come le conosciamo è stato introdotto dall'UEFA nel 2003, al termine di anni di discussioni che avevano come obiettivo l'armonizzazione di tutti i vari campionati europei e, soprattutto, la regolamentazione dei movimenti dei calciatori dopo la sentenza-Bosman. Ogni modifica allo status quo, naturalmente, dovrà passare dall'UEFA stessa.

Addio al calciomercato invernale, cosa pensano gli allenatori

José MourinhoGetty
Mourinho propone una versione alternativa del mercato di gennaio

L'indiscrezione del Sun farà certamente felici quegli addetti ai lavori che ultimamente avevano preso posizioni critiche nei confronti dell'attuale organizzazione del calciomercato. Arsene Wenger, per esempio, aveva esplicitamente chiesto l'abolizione della finestra invernale, mentre Massimiliano Allegri aveva proposto una sua riduzione.

Più articolata la posizione di José Mourinho. Parlando del processo di ricostruzione del Manchester United, lo Special One ha lasciato intendere come la pensa sul mercato di gennaio:

Il futuro della squadra si traccia in estate. In inverno puoi cercare un qualche giocatore particolare che è in scadenza di contratto, o magari fai un acquisto di emergenza, ma il futuro si progetta durante l'estate

L'involontario suggerimento del portoghese sembra degno di essere preso in considerazione. Infatti, l'eliminazione secca della finestra invernale impedirebbe a un club vittima di situazioni imprevedibili (es. un grave infortunio di un giocatore-chiave) di correre ai ripari, aumentando l'impatto dell'aleatorietà sulle varie competizioni. 

La questione verrà presto affrontata dall'ECA del nuovo presidente Andrea Agnelli. Quella del 2018 potrebbe essere l'ultima sessione di calciomercato invernale del calcio europeo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.