Wenger: "Ecco perché ho rifiutato il Manchester United"

Il francese conferma: nel 2001-02 il Manchester United aveva provato ad affidargli l'eredità di Sir Alex Ferguson.

324 condivisioni 11 commenti

di

Share

Di sliding doors il mondo del calcio è pieno, ma questa è di quelle grosse. Arsene Wenger sulla panchina del Manchester United da una quindicina di anni a questa parte: riuscite a immaginarvelo? Francamente difficile. Eppure era quello lo scenario che si stava delineando durante la stagione 2001-02, quando Sir Alex Ferguson aveva annunciato al board dello United la decisione di ritirarsi al termine del campionato e la scelta dei Red Devils cadde nientemeno che sul manager dei grandi rivali dell'epoca, i Gunners di Arsene Wenger appunto.

A sganciare l'ordigno è stato a fine agosto l'ex presidente del Manchester United, Martin Edwards. Nelle pagine della sua autobiografia, "Red Glory: Manchester United and me", Edwards ha raccontato i dettagli del suo flirt con il tecnico francese:

Arsene era la nostra prima scelta. Era un tecnico di successo e, anche se da lì in avanti le cose non gli sono sempre andate bene, all'epoca eravamo convinti fosse il miglior candidato possibile per la sostituzione di Alex. Provammo ad approcciarlo e Arsene si mostrò interessato abbastanza da invitare me e Peter Kenyon a casa sua, a Londra, per discutere della nostra proposta. Ci incontrammo un paio di volte e per un po' abbiamo creduto che ci fosse davvero la possibilità che venisse da noi. Ma penso che Arsene fosse molto legato a David Dein (ex vicepresidente dell'Arsenal, ndr), ed è per questo che alla fine rifiutò la nostra offerta. Sentiva di aver iniziato un lavoro importante all'Arsenal e il suo legame con il club era troppo forte per poter essere spezzato

Wenger riconosce il gran rifiuto al Manchester United

Arsene Wenger Alex FergusonGetty
Wenger e Ferguson, una staffetta che poteva diventare realtà

Inizialmente, Wenger non è sembrato entusiasta di parlare della versione di Edwards:

Chiedete a lui. Io sono sempre molto tranquillo, un giorno magari metterò insieme tutti i contatti che ho avuto da quando alleno l'Arsenal e ne verranno fuori un po' di capitoli. Dovreste chiedere a Edwards

Ma dopo ha finito per cedere al pressing della stampa:

Perché ho rifiutato il Manchester United? Perché amo i valori dell'Arsenal e, per quanto mi riguarda, i valori sono la cosa più importante. Un giorno sarà interessante discutere di come sono andate le cose. Certamente, il Manchester United è affascinante, ma io mi domandavo: sono felice qui? E la risposta è sempre stata positiva. Non sono mai stato davvero tentato di andare a Old Trafford, sono sempre stato felice qui e la gente è sempre stata felice di me

Ecco, quest'ultima frase va probabilmente letta in prospettiva, considerando che il #WengerOut (via Wenger) resta uno dei tormentoni di Twitter più popolari degli ultimi mesi.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.