Milan e Inter in rosso con Berlusconi e Moratti: buco da 1,4 miliardi

Le squadre milanesi hanno chiuso le gestioni degli ultimi 10 anni con un negativo pesante. La Roma chiude in rosso dal 2009, Juventus in utile da 3 anni.

Milan e Inter, i debiti con Berlusconi e Moratti

1k condivisioni 91 commenti 4 stelle

di

Share

Quella appena iniziata è la prima stagione in cui sia Milan che Inter non hanno una proprietà italiana. Il gruppo Suning è azionista di maggioranza della società nerazzurra già dal giugno del 2016 mentre dopo lunghissime trattative, nell’aprile del 2017 è arrivato il closing che ha ufficializzato la cessione dei rossoneri alla Rossoneri Sport Investment Lux, con Li Yonghong nuovo presidente.

Entrambe le milanesi venivano da due gestioni delle gestioni più gloriose della loro storia, quelle con a capo Massimo Moratti (anche se a cedere a Suning è stato Erick Thohir, che ha rilevato l’Inter nel 2013) e Silvio Berlusconi, che hanno ottenuto risultati straordinari anche grazie alle grandissimi spese fatte sul mercato.

Secondo quanto calcolato dal Sole 24 Ore, il bilancio economico relativo all’ultimo decennio è pesantemente in negativo sia per l’Inter di Moratti che per il Milan di Berlusconi, che dal 2007 ad oggi avrebbero complessivamente accumulato una perdita di circa 1,4 miliardi di euro.

Milan e Inter: con Berlusconi e Moratti rosso da 1,4 miliardi

Moratti e Silvio Berlusconi
Massimo Moratti e Silvio Berlusconi

Il quotidiano ha svolto un’indagine per provare a quantificare le perdite delle società italiane dovute al calciomercato negli ultimi 10 anni. Moratti avrebbe chiuso la sua gestione con un negativo di circa 900 milioni di euro, mentre il Milan di Berlusconi avrebbe accumulato un rosso di 500 milioni. L’inchiesta del Sole 24 Ore ovviamente non si è fermata alle società milanesi: salta all’occhio infatti come la Roma non chiuda un bilancio in attivo dal 2009, ritrovandosi al giugno scorso con un netto negativo che si aggirava attorno ai 100 milioni.

La Juventus, invece, grazie alla crescita dovuta anche ai grandi risultati sportivi, ha chiuso il suo bilancio in attivo per il terzo anno consecutivo, dimostrandosi un esempio da seguire anche dal punto di vista della gestione economica. Uno studio del network KPMG ha infatti rivelato infatti come il valore d’impresa della società bianconera sia superiore addirittura a quelli di Inter, Milan e Lazio sommati.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.