UFC, VanZant: "Taglio del peso quasi fatale, i miei erano sconvolti"

Paige VanZant svela i retroscena borderline legati al suo ultimo taglio del peso, tra genitori preoccupati ed un malessere che l'ha portata a salire nelle 125 libbre.

UFC flyweight Paige VanZant

141 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un'altra aggiunta al club. Il taglio del peso era ed è uno dei temi più controversi del mondo delle MMA moderne. Affrontarlo senza l'ausilio di specialisti d'élite e soprattutto con leggerezza può comportare non pochi scompensi a livello psicofisico, andando chiaramente ad influire negativamente sulle performance dell'atleta che incautamente prova a tagliare, ad esempio, 15 chili in maniera non progressiva e sprovvisto del giusto supporto. Scene del genere appartengono a realtà di qualsiasi dimensione, dalla card della sagra di paese fino ai PPV UFC.

Poi c'è invece chi, come Paige VanZant, si è trovata di fronte ad un weight-cut mostruoso, dettato dalla mancanza di una categoria intermedia tra le 115 e le 135 libbre UFC. Problema, quest'ultimo, risolto con la recente apertura della categoria pesi mosca. La bionda di Dayton (Oregon) esordirà nelle neonate 125 libbre a UFC 216, contendendosi la vittoria contro una veterana quale Jessica Eye.

Una scelta ponderata e figlia del buonsenso, visti i tragici tagli patiti per rientrare al limite dei 52 kg. Come raccontato ad MMA Hour infatti, l'ultimo cut - che l'ha accompagnata verso la sconfitta contro Michelle Waterson - è stata la vera e propria goccia che ha fatto traboccare il vaso, con i genitori di Paige preoccupati dal pessimo stato di forma della figlia.

Quello per entrare nei paglia era un taglio davvero grosso, io sono molto più pesante di quanto la gente possa pensare. Stavo per ammazzarmi, immolandomi per questo sport. Nell'ultimo weight-cut sarò svenuta almeno due o tre volte nel mio bagno, spaventandomi parecchio. Pensate che i medici erano addirittura incerti sul darmi l'idoneità. I miei genitori non mi avevano mai vista tagliare, e mi hanno garantito che, qualora ciò fosse accaduto di nuovo, verrò ripudiata e diseredata. Pensavano che mi stessi uccidendo, ed onestamente non ne valeva la pena. Con le 125 libbre oggi finalmente aperte non potevo che salire: sono una paladina della vita sana, e vi dico solo che stavo andando incontro a disordini alimentari. Non è mica una bella cosa rischiare la vita in una vasca da bagno. Adesso la gente vedrà come nei mosca io sia più forte e veloce di prima!

Tell me a secret.... 🌹

A post shared by Paige VanZant (@paigevanzantufc) on

 UFC: la corona delle 125 libbre

Con la divisione pesi mosca UFC ufficialmente inaugurata, non resterà che attendere la fine del TUF 26 per scoprire chi tra le contendenti del reality porterà a casa la cintura. Solo in seguito avremo modo di capire quale sarà la prima sfidante al neonato titolo, anche se probabilmente il nome verrà fuori tra le tante fighter già presenti nel roster e pronte a scendere o salire di categoria.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.