Parma, Lucarelli all'ex patron Ghirardi: “Ti aspettiamo al Tardini”

Vigilia della sfida al Brescia, club al quale l'ex numero 1 del Parma al momento del fallimento è ora vicino: il capitano lo punzecchia su Facebook.

Alessandro Lucarelli, capitano del Parma, ha punzecchiato su Facebook l'ex presidente Ghirardi

1k condivisioni 61 commenti

di

Share

L'avvio di stagione è stato dei migliori con due vittorie di misura su Cremonese e Novara, punteggio pieno e primato condiviso nella classifica della Serie B in tasca. Ma in casa Parma il ricordo del fallimento societario nell'estate 2015, coincidente con la retrocessione sul campo in Serie A e con la ripartenza dai dilettanti, è ancora molto fresco. A dimostrarlo è Alessandro Lucarelli, capitano dei gialloblù e protagonista della risalita dalla Serie D alla Serie B, passando per i campi di Lega Pro e due promozioni nell'arco di meno di 24 mesi.

Il difensore centrale classe 1977 è intervenuto su Facebook alla vigila della partita che domenica pomeriggio (ore 17.30) opporrà il Parma al Brescia sul terreno del "Tardini" nel terzo turno di campionato. Di fronte, le Rondinelle e l'ombra di colui che era il presidente dei ducali al momento del crac societario del 2015, Tommaso Ghirardi: oggi l'imprenditore lombardo è in contatto con il nuovo proprietario del Brescia, Massimo Cellino, e potrebbe diventare uno dei futuri sponsor del Brescia.

Ghirardi e Lucarelli si erano spesso confrontati ai tempi del fallimento dell'allora Parma Fc, quando il numero 6 era diventato uno dei simboli della disperata corsa contro il tempo per salvare la società. Oggi, dopo diversi mesi di silenzio sul tema, il capitano degli emiliani ha utilizzato il suo profilo ufficiale Facebook per lanciare una stoccata al suo ex presidente. Senza dimenticare, da buon livornese doc, l'arma dell'ironia.

Caro Presidente, per te domenica sarà sicuramente un derby speciale tra la squadra della tua città e quella a cui hai fatto un gran bene. Sì, del bene perché quale tifoso non vorrebbe vedere la propria squadra fallire a metà campionato, quale tifoso non vorrebbe che la propria squadra venisse sommersa di debiti e derisa da tutta Italia, quale tifoso non vorrebbe farsi un bel campionato di Serie D e passare dalle sabbie mobili della Lega Pro. Mi dispiace solo che tu sia andato via presidente, perché avresti potuto vantarti come piaceva fare a te di aver riportato il "Parma dove gli compete", ma tu non sei così, a te piace fare del bene e scappare così da lasciare a tutti un ottimo ricordo.

Serie B, Vigilia di Parma-Brescia: Lucarelli attacca Ghirardi

La lettera di Alessandro Lucarelli riguarda anche tutte le persone, dai calciatori allo staff, che hanno perso lavoro dopo la scomparsa del Parma Fc, dei quali il difensore si era fatto a lungo portavoce:

Per questo motivo ti invito ufficialmente allo stadio a vedere la partita così da poterti ringraziare di persona. Se accetti ti chiedo solo una cortesia: vieni in anticipo, perché saremo in tanti. In prima fila metto i dipendenti che hai lasciato senza lavoro, a seguire i fornitori per ribadirgli che hai saldato tutte le loro spettanze, i tifosi e una città intera che hai umiliato davanti a tutta Italia e infine i calciatori lasciati senza contratto.

Nelle sue parole il calciatore non dimentica un pensiero per l'allora direttore sportivo del Parma, Pietro Leonardi:

Se ti avanza un posto in macchina porta con te l'amico di Roma, perché penso sia giusto riconoscere anche a lui la bontà del lavoro svolto: ma mi raccomando prima di uscire dalla tribuna provate a passare davanti a quel mezzo busto che troverete nell'atrio. Leggete bene il nome, magari potrebbe insegnarvi qualcosa, ma evitate di passare davanti al museo perché nei 104 anni di storia, nonostante il bene che ci avete fatto, voi non ci siete.

Alessandro Lucarelli, capitano del Parma, marca l'attaccante del Bari Riccardo Improta
Alessandro Lucarelli, capitano del Parma, ha scritto una lettera all'ex presidente emiliano Tommaso Ghirardi

Parole che non lasciano spazio a interpretazioni, capaci di catturare migliaia di "like" e condivisioni su Facebook, oltre a centinaia di commenti. Per Lucarelli, un autentico plebiscito del web. Al quale Ghirardi ha risposto con una nota ufficiale, diffusa dall'ufficio legale che cura gli interessi dell'imprenditore, nella quale si invita il calciatore a evitare questi esempi di linciaggio mediatico, declinando l'invito:

Il signor Ghirardi ritiene di essere estraneo alle vicende che hanno portato al fallimento del Parma Calcio e del resto nessuna Autorità Giudiziaria ha accertato sue responsabilità in merito a tali avvenimenti (...) Il Tribunale di Bologna, unico Giudice ad essere entrato ad oggi nel merito della vicenda, ha rigettato la quasi totalità degli addebiti mossi avverso il consiglio di amministrazione del Parma Calcio all'epoca in carica, datando la perdita della continuità aziendale al novembre 2014. Si tratta di pochi mesi prima del fallimento sopraggiunto quando il club era stato acquistato da Rezart Taci con l'impegno - non rispettato - di sostenere la squadra. Il Signor Ghirardi ritiene che la responsabilità esclusiva del crac del Parma Calcio sia da ascrivere proprio a Rezart Taci nei cui confronti ha per tale ragione instaurato un giudizio presso il Tribunale di Milano, ad oggi pendente. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.