La Liga come l'NBA: si giocherà anche all'estero?

Il Financial Times rivela l'ambizioso progetto della lega spagnola per la stagione 2018-19.

844 condivisioni 40 commenti

di

Share

Le affinità elettive tra Spagna e Stati Uniti sono state piuttosto evidenti negli ultimi anni, almeno per quanto riguarda il mondo del basket: la nazionale iberica, infatti, è stata spesso l'unico avversario degno di questo nome per il formidabile Dream Team a stelle e strisce, rendendogli la vita difficile in più di una finale olimpica. Ora anche il calcio spagnolo è intenzionato ad allinearsi all'NBA.

Secondo il Financial Times, la Liga avrebbe già preparato i piani per far disputare all'estero alcune partite di cartello, esattamente come succede ormai da qualche anno nel basket americano, come confermato dal presidente Javier Tebas:

La Liga ha raggiunto il livello di entertainment globale e vogliamo che il suo appeal internazionale possa crescere ulteriormente. A questo proposito, stiamo valutando la possibilità di far giocare alcune partite del nostro campionato fuori dalla Spagna. La discussione è ancora alle fasi preliminari, ma come Liga siamo favorevoli all'idea

Per l'autorevole rivista finanziaria, le nazioni che potrebbero ospitare le gare della Liga spagnola sono Cina e Stati Uniti, cioè i due mercati più promettenti per l'industria del calcio. Il progetto potrebbe partire già dalla stagione 2018-19.

La Liga si ispira all'NBA

Danilo Gallinari Denver NuggetsGetty
Danilo Gallinari impegnato contro gli Indiana Pacers alla O2 Arena di Londra

Quella della Liga non è un'idea del tutto nuova. Anche la Premier League, nel 2008, aveva pensato a una soluzione simile, salvo poi fermarsi di fronte alla netta opposizione di politici e tifosi. Ma l'esempio più rilevante in questo senso resta quello dell'NBA, appunto. 

Da quasi 30 anni l'NBA organizza partite di regular season al di fuori dei confini nazionali. La prima volta è datata 2 novembre 1990, quando Phoenix Suns e Utah Jazz si sfidarono al Tokyo Metropolitan Gymnasium. Giappone e Messico sono rimaste le uniche mete scelte fino al 2003, poi, dopo otto anni di pausa, gli NBA Global Games ripresero nel 2011, sbarcando questa volta in Europa, alla O2 Arena di Londra, che da allora ha ospitato sette gare di regular season (e altre quattro sono state disputate a Città del Messico). E le capitali di Regno Unito e Messico offriranno all'NBA il loro palcoscenico anche per la prossima stagione.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.