Qual. Europei Under 21, l'Inghilterra "campione del mondo" sfida la Lettonia

Alle 20.45, su FOX Sports, scendono in campo i Three Lions: in 13 hanno vinto la Coppa del Mondo Under 20. Come Solanke, pomo della discordia tra Liverpool e Chelsea.

Inghilterra-Lettonia, qualificazioni Europei Under 21, su FOX Sports

106 condivisioni 0 commenti

di

Share

The kids are alright. Sì, i piccoli Three Lions sono a posto, sono in formissima e carichissimi. Soprattutto, sanno già come si vince. Se volete scoprire quanti campioni del mondo fanno parte dell'Inghilterra Under 21, fate prima a contare quelli che non lo sono. Ma noi vi risparmiamo la fatica, tranquilli: sono 13 i talenti convocati dal ct Aidy Boothroyd (su 23 della rosa) che, lo scorso giugno, hanno trionfato nel Mondiale Under 20 in Corea del Sud. Una promozione in blocco, per i giovani conquistatori.

Stasera potrete riabbracciarli su FOX Sports, canale 204 di Sky: appuntamento alle ore 20.35 (calcio d'inizio dieci minuti più tardi), per gustarvi la sfida contro la Lettonia. Sarà la seconda uscita dei ragazzini inglesi in queste qualificazioni agli Europei di categoria: quelli che l'Italia ospiterà nel giugno 2019. Venerdì il pareggio in casa dell'Olanda, ora la chance di centrare i primi tre punti e scavalcare i lettoni in testa al Gruppo 4.

Ok, avete ragione: riabbracciarli potrebbe risultarvi un po' complicato. Se non avete dimenticato il ko che inflissero all'Italia, ovviamente: prima di battere il Venezuela, nella finalissima mondiale, l'Inghilterra eliminò in semifinale proprio gli Azzurrini di Evani. L'8 giugno i Leoncini vinsero in rimonta 3-1: Orsolini e compagni si consolarono poi con la medaglia di bronzo nella finalina contro l'Uruguay. Rancori patriottici a parte, seguire l'Under 21 inglese rappresenta un vero e proprio sguardo sul futuro del calcio di Sua Maestà e della Premier League. O meglio, sul futuro ma anche sul presente.

Qualificazioni Europei Under 21, su FOX Sports l'Inghilterra "campione del mondo" sfida la Lettonia

Già, perché molti dei kids di Boothroyd si stanno facendo largo nella massima serie. Non solo, c'è chi tra loro ha scatenato un braccio di ferro legale tra due top club come Liverpool e Chelsea. Un passo per volta però: intanto scopriamo chi sono i tredici eletti, che tre mesi fa hanno riportato in patria un titolo iridato dopo 51 anni di astinenza:

I portieri Dean Henderson (Shrewsbury Town, in prestito dal Manchester United) e Freddy Woodman (Newcastle);
I difensori Dael Fry (Middlesbrough), Jonjoe Kenny (Everton), Fikayo Tomori (Chelsea), Kyle Walker-Peters (Tottenham);
I centrocampisti Lewis Cook (Bournemouth), Kieran Dowell (Nottingham Forest, in prestito dall'Everton), Ademola Lookman (Everton), Ainsley Maitland-Niles (Arsenal) eJosh Onomah (Aston Villa, in prestito dal Tottenham);
Gli attaccanti Dominic Calvert-Lewin (Everton), Dominic Solanke (Liverpool)

🎉

A post shared by England (@england) on

Due portieri, quattro difensori, cinque centrocampisti e due attaccanti: in Corea del Sud si sono laureati campioni del mondo, ora costituiscono la spina dorsale della nuova Under 21 inglese. Un'eredità niente male, perché nel 2019 i Three Lions proveranno a migliorare il piazzamento raggiunto in Polonia negli ultimi Europei di categoria: una missione che si è interrotta in quel caso in semifinale, ma solamente dopo i calci di rigore contro la Germania. Di quella spedizione hanno fatto parte le stelline del Leicester Ben Chilwell e Demarai Gray, il difensore dell'Everton Mason Holgate e Tammy Abraham, attaccante che il Chelsea ha consegnato in prestito allo Swansea: tre apparizioni da titolare in campionato e già un gol per lui, nell'ultima uscita contro il Crystal Palace.

Two is meglio che one: Dominic come Calvert-Lewin...

I gradi da titolare campeggiano anche sulle spalle di un talento in piena ascesa come Dominic Calvert-Lewin: il centravanti classe 1997 è un'arma già preziosissima per l'Everton di Koeman, come dimostrano le 7 presenze (4 dal primo minuto) già collezionate in stagione tra Premier e preliminari di Europa League (con tanto di gol nel terzo turno contro gli slovacchi del Ruzomberok). Ah, piccola nota a margine: è sua la rete della vittoria nella finale del Mondiale Under 20 contro il Venezuela. Essere decisivi, già in tenera età: a Dominic riesce già benissimo.

Dominic Calvert-Lewin, attaccante dell'Everton e dell'Inghilterra Under 21
Dominic Calvert-Lewin, dal gol vittoria nella finale del Mondiale Under 20 all'Inghilterra Under 21

Ma anche Dominic come Solanke: il pomo della discordia tra Chelsea e Liverpool

E poi c'è l'altro Dominic, quel Solanke che Jurgen Klopp ha accolto al Liverpool per farlo crescere in tutta calma. Oggi ci pensano i vari Coutinho, Mané, Salah, Firmino a produrre gol per i Reds: domani sarà il suo turno. Intanto si è tolto lo sfizio di esordire in Premier League, anche lui contro il Crystal Palace. Il calcio dei grandi però l'ha già assaggiato due stagioni fa, quando il Chelsea lo spedì in prestito all'alleata Vitesse. Già, il Chelsea: il club che in estate l'ha lasciato andare a parametro zero. E che ora reclama dal Liverpool un premio di formazione da 10 milioni di sterline (poco meno di 11 milioni di euro). Ad Anfield sono convinti di dover riconoscere solamente 3 milioni di sterline (circa 3,2 milioni di euro): una querelle destinata a riempire di scartoffie qualche aula di tribunale.

Dominic Solanke, attaccante del Liverpool e dell'Inghilterra Under 21
Dominic Solanke, la stellina dell'Inghilterra Under 21 al centro del braccio di ferro tra Liverpool e Chelsea

Di talenti da tenere d'occhio, in ogni caso, ce ne sarebbero tanti: Lewis Cook per esempio, centrocampista del Bournemouth che ha alzato la Coppa del Mondo in Corea del Sud da capitano. O come Freddy Woodman, portierino 20enne del Newcastle che sogna di diventare titolare a St James' Park. Lo scorso gennaio, invece, l'Everton ha versato nelle casse del Charlton qualcosa come 8,8 milioni di euro. Per chi? Per Ademola Lookman, ala classe '97 tra i giustizieri dell'Italia nella rassegna iridata di giugno. E poi ancora Josh Onomah, speranza del Tottenham in prestito all'Aston Villa. Insomma, il futuro dell'Inghilterra appare in buone mani. Non c'è dubbio: the kids are alright.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.