Eurobasket: l'Italia è agli ottavi grazie alla Georgia

La vittoria su Israele della squadra di Zouras elimina Israele e consegna agli azzurri la sfida per sancire terzo o quarto posto.

Ariel Filloy in difesa su Dennis Schroder

366 condivisioni 4 commenti

di

Share

Perdendo e giocando una gara non memorabile, l'Italia fa le valigie per Istanbul e si qualifica matematicamente per gli ottavi di finale di Eurobasket. Grazie alla Georgia, vincente in serata contro Israele.

Difesa, difesa e ancora difesa è stato il mantra anche contro la Germania, ma non è bastata. Gli azzurri hanno giocato una gara per tre quarti perfetta nella sua metà campo contro una squadra tutt'altro che impeccabile al tiro. Ma il risultato (55-61) ha premiato i tedeschi, bravi a punire i nostri nei momenti di “libertà” concessi, condannandoci. Come già accaduto, Italia troppo dipendente dal suo tiro da tre, sul quale si è arenata tirando 7/29 da oltre l'arco.

Come dopo la sconfitta con la Lituania non c'è bisogno di fare drammi, perché i due successi fin qui ottenuti dal gruppo di Messina lasciano ampie speranze e danno la matematica certezza della qualificazione grazie al successo della Georgia su Israele. Domani match decisivo con la squadra allenata da Zouras, per sancire terzo o quarto posto, che vorrebbe dire incontrare, al momento, una tra Francia e Finlandia, uscenti dal Gruppo A. 

Eurobasket: Italia già ad Istanbul

Tra le combinazioni possibili è uscita quella più comoda, che ci manda direttamente a Istanbul, ma il match con la Georgia serve per chiudere bene e restare mentalmente allenati, magari abituandoci a vincere per preparare al meglio la sfida degli ottavi di finale, in programma la prossima settimana nella capitale turca. Messina ha strigliato per bene i suoi dopo la sconfitta con la Germania ed è facile immaginare un'Italia diversa. 

Ettore Messina indiavolato nel match con la Germania

Disputata una partita mediocre e la Germania ha meritato di vincere. La cosa migliore vista in campo? Le cheerleader. Non eravamo una squadra fenomenale dopo le prime due-tre partite, non siamo neanche un team di merda come oggi.

Chiaro, conciso e senza possibilità di essere frainteso. Ettore Messina conosce la sua squadra, e non è quella che ha visto contro la Germania. L'ultima gara del girone di Eurobasket 2017 dovrà rifarci vedere una compagine gagliarda, che non molla in difesa - come accaduto contro i tedeschi per la prima metà abbondante di gara - che creda nelle sue doti ma non si impunti nel solo gioco perimetrale, perché se poco proficuo come in questa occasione rischia di essere assai controproducente. 

Il cammino della nazionale ad Eurobasket è nelle sue stesse mani. Lo sa Messina, lo sanno i ragazzi, lo sanno tutti gli appassionati che da casa seguono questo Europeo, che è certo non finirà a Tel Aviv. Alla vigilia questo era l'obiettivo minimo: è stato raggiunto, ora tutto ciò che verrà sarà, speriamo, da regalare alla storia. 

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.