Ventura: "La Spagna non è umana, noi sì. Ma al Mondiale stupiremo"

Le parole del ct azzurro dopo il 3-0 rimediato dall'Italia contro la Spagna: "Si è vista una differenza di condizione fisica e qualità. Ma ci abbiamo messo anche del nostro".

Ventura

988 condivisioni 240 commenti

Share

Non può che essere amareggiato, Giampiero Ventura, al momento di commentare la sconfitta dell'Italia contro la Spagna. Un 3-0 che non ammette repliche, una lezione di calcio impartita dalle Furie Rosse agli Azzurri che adesso sono praticamente certi di dover passare dagli spareggi per accedere ai Mondiali di Russia 2018. 
Siamo stati umani, loro un po' meno. Ci abbiamo messo del nostro, dobbiamo capire chi vogliamo diventare. Ma se una partita incide sulla nostra autostima vuol dire che non siamo competitivi. In generale si è vista la differenza di condizione e di qualità. Poi alcune cose le abbiamo sbagliate e regalate, ci abbiamo messo del nostro. Nel primo tempo siamo andati sotto di due gol senza subire un tiro in porta. Il portiere ha fatto tre parate ma in questo momento noi siamo umani e loro meno.
Poi sul tanto criticato 4-2-4 utilizzato per fronteggiare la Spagna:
Stavamo portando avanti un discorso e non è una partita che può cambiare le cose. Il problema di fondo è quello che siamo e quello che vogliamo diventare. Analizziamo tutto e vedremo che il passo avanti sarà fatto. Se c'è meno autostima? Se una partita incide sull'autostima vuol dire che non siamo competitivi. Ci servirà per esperienza. Per capire cosa potremo fare.
Infine torna sulla condizione fisica: 
C'è un problema fisico evidente, non è una critica alle società ma si è visto. Eravamo indietro rispetto a loro che ci sono stati nettamente superiori sotto il piano fisico. La crescita della squadra passa anche da queste partite. Le critiche? Conta il lavoro, mi basta solo quello. Sapevamo dal giorno in cui sono usciti i gironi che c'era il rischio playoff. Il nostro problema è arrivare al Mondiale perché lì saremo una grande sorpresa: avremo tempo per lavorare.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.