US Open, Fognini espulso dal torneo e multato di 24mila dollari

Il tennista ha insultato il giudice di sedia durante il match perso contro Stefano Travaglia e ha commesso altre due violazioni: è stato espulso dal torneo e multato.

Fabio Fognini

755 condivisioni 115 commenti 0 stelle

di

Share

Un comportamento al di là delle righe - per usare un eufemismo - che non poteva passare inosservato agli occhi dell'ITF, la federazione tennistica internazionale che si occupa della gestione degli US Open attraverso la federazione americana (USTA). Durante il match perso al primo turno contro il connazionale Stefano Travaglia, Fabio Fognini aveva messo in mostra il lato più esuberante del suo carattere, superando ogni limite. E nelle scorse ore è arrivata la stangata per quanto visto sul campo di Flushing Meadows: una multa di ben 24mila dollari,  ma soprattutto l'espulsione dal torneo decisa dal direttore dello Slam statunitense, Brian Earley. Finisce qui quindi la sua avventura nel torneo di doppio dove con Bolelli si era spinto al terzo turno.   

Il tennista sanremese classe 1987, sposo di Flavia Pennetta, è incappato in un salato provvedimento proprio sui campi dove sua moglie aveva portato all'apice il tennis femminile azzurro, superando in finale nell'edizione 2015 la connazionale Roberta Vinci. La direzione del torneo è intervenuta per tre distinti comportamenti riconducibili alla condotta antisportiva maturati nel corso del match perso contro Travaglia col punteggio di 6-4, 7-6 (8), 3-6, 6-0. Infrazioni per le quali Fognini, oggi numero 26 del ranking Atp e numero 22 del seeding nel tabellone statunitense, è stato multato rispettivamente per 15mila, 5mila e 4mila dollari. L'azzurro perde anche tutto il montepremi di 72mila dollari guadagnato sin qui (50mila in singolare e 22mila in doppio).

Nel mirino dell’ITF, in particolare, ci sono le espressioni irriguardose rivolte in italiano da Fognini nei confronti di una giudice di sedia in quel di New York. Insulti sessisti, che hanno fatto lievitare l’entità della sanzione. Per un comportamento che lo stesso 30enne aveva censurato su Twitter, facendo mea culpa:

Vorrei innanzitutto chiedere scusa a voi tifosi, all'arbitro per quanto accaduto oggi. È semplicemente stata una giornata molto negativa, ma ciò non perdona il comportamento avuto nel match. Nonostante io sia una testa calda (secondo me pur avendo ragione nella maggior parte delle circostanze) HO SBAGLIATO. Che poi alla fine dei conti è solo una partita di tennis.

US Open: insulti sessisti alla giudice di sedia, Fognini multato

Eliminazione al primo turno e multa salata: per Fabio Fognini l'edizione 2017 degli US Open è di quelle da dimenticare. Una nota stonata in un 2017 che un mese fa aveva aggiunto alla sua bacheca la vittoria di Gstaad, dove il 30enne ligure aveva conquistato il quinto titolo ATP in carriera, battendo in finale il tedesco Yannick Hanfmann, e la storica semifinale raggiunta a Miami.

Insulti sessisti alla giudice di linea: multa di 24mila dollari per Fabio Fognini
Us Open, insulti sessisti alla giudice di linea: multa di 24mila dollari per Fabio Fognini

I dirigenti degli US Open avevano definito la situazione come molto fastidiosa e avevano preannunciato che non erano escluse nuove sanzioni. A chiarirlo era stato il direttore alla comunicazione del torneo, Chris Widmaier:

Siamo infastiditi dalla condotta di Fognini, ha avuto un comportamento e un linguaggio estremamente inappropriati. Stiamo cercando di ricostruire il tutto.

Fabio Fognini, Us Open 2017 da dimenticare: multa di 24mila dollari
Fabio Fognini, Us Open 2017 da dimenticare: multato, non è la prima volta

Non è la prima volta che il carattere vulcanico di Fognini costa provvedimenti molto cari allo stesso tennista: nel 2014, a Wimbledon, alcune espressioni utilizzate durante l'incontro del primo turno con l'americano Alex Kuznetsov portarono la direzione del torneo a multarlo di 27500 sterline, di cui 20 mila più 5 mila per "unsportmanlike conduct" e 2500 per "visible obscenity". Questa volta non sono bastate le scuse postate sui social il giorno successivo. Tre articoli violati, espulsione e tre multe: per 24mila dollari complessivi.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.