Manchester City furioso con l'Arsenal per il caso-Sanchez: "Casinisti"

In effetti, Arsene Wenger non ci ha fatto una gran figura. Ecco la ricostruzione dell'ultima folle giornata di calciomercato.

Guardiola Wenger

1k condivisioni 45 commenti

di

Share

A sentire la stampa inglese, al Manchester City sono furibondi con l'Arsenal. E c'è da capirli. Vedersi sottrarre da sotto le zampe la preda che avevi così lungamente inseguito, Alexis Sanchez, e che credevi di aver acchiappato una volta per tutte dietro lauta ricompensa, non dev'essere la sensazione più piacevole del mondo. Ma ciò che i Citizens non riescono a mandare giù non è tanto l'esito del negoziato, quanto il suo sviluppo.

L'edizione odierna del Daily Mail offre una ricostruzione dell'ultima, folle giornata di questa trattativa. Secondo il tabloid, il City aveva mandato degli emissari in Cile, dove Sanchez si trovava per gli impegni della sua nazionale, con l'obiettivo di supervisionare le ultime fasi dell'affare.

Attorno alle 10 del mattino, questi hanno ricevuto assicurazioni sul fatto che Arsene Wenger si fosse finalmente rassegnato a trovare un rimpiazzo per Sanchez, cioè Thomas Lemar del Monaco. Tutto sbloccato, pare: il Manchester City prende il cileno per 65 milioni di euro, i Gunners si consolano con il francese con 100 milioni. 

Manchester City accusa: "Arsenal casinista"

Sanchez ArsenalGetty
Tutta la gioia di Alexis Sanchez nel restare all'Arsenal

Peccato che nessuno abbia chiesto al diretto interessato cosa ne pensasse. Lemar, infatti, non aveva alcuna intenzione di muoversi dal Monaco per andare in un club fuori dalla Champions League. La sua scelta era e restava il Liverpool. Fonti interne al City, citate dal Daily Mail, hanno appioppato a Wenger e soci l'appellativo poco lusinghiero di "shambolic", traducibile con "casinisti", "pasticcioni". Non gli perdonano il fatto di non aver compiuto tutti gli approfondimenti del caso prima di dare il via libera all'operazione, e di averla poi fatta franare.

In questa storia, peraltro, finiscono per perderci tutti. Guardiola non avrà l'attaccante che voleva - anche se, tra Aguero e Gabriel Jesus, in quel reparto non è messo malissimo - mentre Sanchez, che ESPN definisce "devastato" dalla notizia, sarà costretto a prolungare controvoglia un'esperienza che considerava ormai chiusa. Ma il vero sconfitto è proprio l'Arsenal, che si troverà a dover gestire una star infelice in scadenza di contratto, con la prospettiva di svenderlo a gennaio o di perderlo a parametro zero il prossimo giugno. "Wenger Out" potrebbe presto tornare di moda dalle parti dell'Emirates.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.