Champions League: la Juventus pesca il Barça, insidia Sporting Lisbona

I Campioni d'Italia ritrovano i blaugrana dopo i quarti dell'anno scorso. Occhio ai portoghesi che si sono rinforzati, l'Olympiakos candidato all'ultimo posto.

Champions League, il girone della Juventus

340 condivisioni 1 commento 5 stelle

di

Share

Dopo soli 5 mesi, le strade in Champions League di Juventus e Barcellona si incrociano nuovamente. L’urna di Montecarlo non è stata molto clemente con i Campioni d’Italia, assegnandole un girone in cui ci sono probabilmente le due squadre più ostiche della seconda e della quarta fascia.

Oltre ai catalani infatti, il gruppo dei bianconeri è completato dall’Olympiakos e Sporting Lisbona: se i greci sono sicuramente una formazione abbordabile, quello dei 18 volte campioni di Portogallo era insieme a quello del Lipsia il nome da evitare nella quarta urna.

Questo non toglie che la qualificazione sia ampiamente alla portata della Juventus, che negli ultimi anni ha dimostrato di poter essere considerata una delle grandi d’Europa. La squadra di Allegri dovrà probabilmente lottare con il Barcellona per il primo posto nel girone, facendo attenzione alla mina vagante Sporting. L’insidia maggiore del doppio confronto con l’Olympiakos sembra essere la trasferta nella bolgia del Karaiskakis.

Champions League, la Juventus ritrova il Barcellona

Messi al Barcellona
La stella del Barca è sempre Leo Messi

Rispetto allo scorso aprile, in casa del Barcellona c’è un’aria decisamente diversa: il nuovo allenatore Valverde è arrivato fra lo scetticismo dei tifosi e l’ambiente blaugrana è ancora scosso dall’addio di Neymar e dalla netta sconfitta in Supercoppa di Spagna contro il Real Madrid.

Nonostante ciò, i catalani rimangono comunque nel gruppo delle favorite per la vittoria finale della Champions League, anche se per avere un’idea precisa del potenziale complessivo del Barca bisognerà aspettare di capire chi sarà il sostituto di Neymar, con Dembélé del Borussia Dortmund che sembra a un passo.

Il primo confronto con la Juventus sarà il 12 settembre al Camp Nou e in questa occasione dovrebbe mancare Luis Suarez per via di un infortunio subito nella Supercoppa di Spagna. È quindi probabile che trovi ancora spazio Deulofeu, ma occhio alle possibili soluzioni che Valverde ha mostrato nelle prime partite della stagione, in cui Messi è stato utilizzato anche da trequartista.

L'Olympiakos si affida a Marko Marin

Marko Marin
Marin è il giocatore più pericoloso dell'Olympiacos

La Juventus ritrova l’Olympiakos nella fase ai gironi della Champions League dopo la stagione 2014/2015, che vide i bianconeri arrivare alla finale di Berlino. Se 3 anni fa i greci misero molto in difficoltà i Campioni d’Italia, contendendo loro la qualificazione agli ottavi fino all’ultima giornata, ora sono sicuramente la quarta forza del gruppo.

La squadra del Pireo continua a dominare in patria ma non sembra avere la rosa per poter impensierire le avversarie del girone: la stella è sicuramente il tedesco ex Fiorentina Marko Marin, che dopo anni in giro per l’Europa ha finalmente trovato continuità di rendimento in Grecia, schierato nel tridente offensivo del 4-2-3-1 dell’allenatore Hasi, alle spalle dell’ivoriano Ben.

Fra le squadre della terza fascia, i veri pericoli erano sicuramente rappresentati dalle squadre inglesi Liverpool e Tottenham, l’Olympiakos sembra essere la candidata più seria all’ultimo posto nel girone, anche se andare a giocare nel catino del Karaiskakis non è mai una passeggiata per nessuno.

Lo Sporting Lisbona è la vera insidia del girone

Lo Sporting Lisbona
L'esultanza dei giocatori dello Sporting Lisbona

Il vero ostacolo verso la qualificazione agli ottavi di finale per la Juventus potrebbe essere lo Sporting Lisbona. I portoghesi hanno rimediato ad un deludente 0-0 contro lo Steaua Bucarest nell’andata del preliminare con una schiacciante vittoria per 5-1 al ritorno, oltre ad essere partiti alla grande in campionato vincendo tre partite su tre.

Lo Sporting ha fatto un ottimo mercato, riportando Fabio Coentrao in Portogallo e acquistando Bruno Fernandes dalla Sampdoria. In particolare l’ex giocatore blucerchiato si è inserito alla perfezione negli schemi dell’allenatore Jorge Jesus, segnando anche una doppietta nell’ultimo turno della Primeira Liga.

I bianconeri dovranno fare attenzione specialmente a Bas Dost, che arriva da una stagione da 34 gol in campionato ed è già a quota quattro reti dall’inizio della stagione. L’attacco è completato da due ali velocissime come Gelson Martins e Acuna, appena arrivato dal Racing di Avellaneda. Nonostante sia nettamente inferiore a Juventus e Barcellona, lo Sporting Lisbona è una squadra solida e che ha iniziato l’annata col piede giusto: se le big del girone si togliessero punti a vicenda, i portoghesi potrebbero arrivare alle ultime giornate della prima fase ancora in corsa per la qualificazione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.