Bayern Monaco, Hoeness su Douglas Costa: "Via perché mercenario"

Il presidente del club bavarese ci va giù duro sull'acquisto della Juventus: "Non ci piaceva il suo carattere".

Douglas Costa al momento del suo arrivo alla Juventus

919 condivisioni 45 commenti 5 stelle

di

Share

Quando il presidente del Bayern Monaco parla, in genere c'è sempre qualche frase a effetto capace di attirare l'attenzione mediatica. Era successo qualche giorno fa, quando Hoeness aveva parlato del Barcellona - "Non merita il mio rispetto" - nell'ambito della trattativa per Dembélé, schierandosi apertamente con il Borussia Dortmund.

È accaduto un'altra volta oggi, quando gli è stato domandato di fare chiarezza sulla cessione di Douglas Costa alla Juventus in questa sessione di calciomercato.

E così come aveva fatto con il Barcellona, anche questa volta Hoeness non ha usato mezzi termini per descrivere la situazione, parlando del giocatore brasiliano non proprio in termini positivi (eufemismo). Dopo aver preso in considerazione le posizioni di Robben e Ribery, considerati ancora determinanti per l'economia di gioco del Bayern Monaco, il presidente del club ha spiegato i motivi della cessione della loro prima alternativa.

Douglas Costa nel mirino del presidente del Bayern Monaco, Uli Hoeness
Hoeness, il presidente del Bayern Monaco ne ha per Douglas Costa e molti altri

Bayern Monaco, Hoeness su Douglas Costa

Il patron del Bayern Monaco non ha usato mezzi termini per parlare di Douglas Costa, definendo addirittura mercenario il 26enne passato alla Juventus nella sessione di calciomercato in corso:

Douglas Costa non ha funzionato perché era un mercenario, che caratterialmente non ci è piaciuto.

Nell'intervista rilasciata a Sport.de, poi, Hoeness si è scagliato ancora una volta contro i club che spendono milioni e milioni sul calciomercato, facendo esempi concreti:

I club che ora spendono tanti soldi come il Paris Saint-Germain o il Manchester City non hanno ancora vinto niente. Questo significa che la vittoria di qualcosa non sia una conseguenza diretta degli investimenti.

Infine un pensiero sull'eliminazione nell'ultima edizione della Champions League per mano del Real Madrid:

Da certi giudizi sembra che ci sia stata una grossa differenza in campo tra noi e loro, ma guardando entrambe le gare non sono così convinto che sia stata la squadra migliore a superare il turno. Sarà sempre un discorso di dettagli e per cose del genere non spenderò mai centinaia di milioni di euro...

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.