Barcellona, Lionel Messi e la "sfiga" ereditata da Ludovic Giuly

Messi contro il Betis ha colpito 3 legni: bisogna mettere le lancette indietro di più di 10 anni per trovare lo stesso "record" in maglia blaugrana.

Messi eguaglia il record di Giuly

837 condivisioni 8 commenti 5 stelle

di

Share

Messi contro la sfiga nera: la chiamerà sfortuna, maledetta sfortuna, direbbe qualcuno. Non è un B-movie, in cui gatti neri, scale, fulmini in notti tempestose, ferri di cavallo la fanno da padroni, ma una strana storia di vita vissuta alla prima giornata dal Barcellona

Lionel Messi, simbolo e icona di tutto il movimento calcistico e culturale catalano, contro il Betis ha avuto un problemino con il destino: chiamatelo come volete, a noi piace "eredità di Giuly". Con un po' di gusto per il grottesco e il melodramma, ovviamente. 

Messi come Giuly, e in questo caso (forse non solo in questo) non è un complimento

Ci ha provato in tutti i modi, Lionel Messi. Certo, i record sono importanti, i trofei anche, perfino i meri numeri, esclusivamente legati al mondo statistico. Ma prendere 3 legni, come gli è successo contro il Betis Siviglia alla prima giornata, beh, questo non gli era mai capitato. Anzi, a dire la verità, era già capitato a qualcun altro in maglia blaugrana. Al terzo palo cosa avrà pensato Messi? Probabilmente qualcosa di intraducibile tra "grrr" e invocazioni raffinate in spagnolo idioma, o forse avrà semplicemente guardato con fare stranito Adán, portierone del Betis, come se fosse lui alla fine il vero responsabile. O magari qualche altro strano influsso:  

Tutto comincia il 22 gennaio 2006: il Barcellona affronta l'Alaves e vince 2-0 grazie alle reti di Messi (proprio lui, eterno) e un altro che con l'eternità aveva stretto uno speciale patto, lo svedese Henrik Larsson. In quella partita Messi deve aver contratto qualcosa: si scherza, ovviamente, ma Ludovic Giuly, con trascorsi alla Roma, proprio contro l'Alaves ha avuto la somma sfortuna di colpire 3 volte il palo.

In questa speciale, fortunatissima classifica, poco prima di Messi la stessa sorte malaugurata è toccata al giapponese Takashi Inui, nel febbraio 2016, con la maglia dell'Eibar. Ah, è toccato anche a Duda con il Malaga (2005), a Marcos Assuncao con il Betis (altro ex Roma), e Nicolas Olivera. Una speciale classifica della mala suerte. Alt, fermi con le mani, siate signori! Non c'è niente in tasca che vada la pena di andare a cercare adesso. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.