Kalinic è ufficiale: "Finalmente al Milan, pronto a dare tutto"

L'ex viola ha firmato il contratto che lo legherà al Diavolo fino al 30 giugno 2021: "Sono due mesi che aspettavo di arrivare, finalmente sono qui e sono felicissimo".

Kalinic Fassone Mirabelli

313 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Alla fine, l'attesa è valsa la candela: dopo un inseguimento durato due mesi, Nikola Kalinic è ufficialmente un nuovo giocatore del Milan. Dopo aver completato l'iter delle visite mediche e dei test atletici, il centravanti croato ha firmato il contratto che lo legherà al club di via Aldo Rossi fino al 2021. La trattativa si è conclusa con un prestito oneroso a 5 milioni di euro a favore della Fiorentina, e obbligo di riscatto fissato a 20. Kalinic indosserà la gloriosa maglia numero 7 rossonera, quella di Shevchenko, nell'ultima stagione portata sulle spalle da Luiz Adriano e Gerard Deulofeu.

Un attesa lunga, dicevamo, e snervante, anche perché nel frattempo il Milan ha provato a prendere altri attaccanti (Diego Costa, Aubameyang, Belotti). Kalinic ha avuto pazienza e, pur consapevole di non essere la prima scelta della dirigenza (ma lo era per Montella), ha rifiutato cordialmente le altre offerte che gli erano pervenute, Everton su tutti, per coltivare il sogno di giocare nel Milan. E la sua perseveranza è stata infine ricompensata. Ecco le sue prime parole da rossonero ai microfoni di Milan TV:

Sono due mesi che aspettavo di arrivare, finalmente sono qui e sono felicissimo. Sin dall'inizio ho detto che volevo soltanto il Milan. Adesso devo dare il massimo in campo, poi vedremo cosa succederà. C'è un nuovo ciclo, spero che tutto vada bene. Prometto di dare tutto, di sacrificarmi, per far vincere la squadra. Non sento pressioni, sono solo concentrato su come devo giocare. La tripletta all'Inter? Era la mia prima gara a San Siro ed è stato molto bello. La maglia numero 7? Il mio numero preferito è il 9, ma era occupato, dunque ho scelto il 7 perché era libero

L'importanza di Kalinic per il Milan

Kalinic non corrisponde al nome roboante che avrebbe voluto la proprietà cinese a inizio mercato per questioni di marketing. Non ha la presa mediatica di un Aubameyang o di un Morata, né probabilmente il loro spessore tecnico, ma è un attaccante altamente affidabile, che conosce bene il campionato italiano e dotato di caratteristiche ideali per il gioco di Montella. Inoltre, come ha sottolineato l'ad Fassone durante la consueta cerimonia della firma in diretta, darà a un gruppo giovane quella quota di esperienza che è fondamentale nell'abbrivio di un nuovo ciclo:

L'acquisto di Nikola è stato lungo e difficile, ma se siamo qui è perché lui ha voluto fortemente il Milan. Ha un amore di lunga data per questi colori che ci ha permesso di sbloccare la situazione. Lui è il giocatore che volevamo per esperienza e qualità: nel mix di giovani ed esperti che abbiamo sempre voluto, andrà a comporre con Bonucci e Biglia la nostra spina dorsale. Ora la rosa è al completo

Quella sulla "rosa al completo" è in realtà una bugia bianca, il mercato del Milan è tutt'altro che chiuso. Niang, Paletta, Gomez, Sosa e Mauri hanno le valigie in mano, e dopo le loro partenze Vincenzo Montella si ritroverà con soli 23 giocatori a disposizione. Le due caselle libere verranno riempite con una mezzala destra che possa dare il cambio a Kessié e con un attaccante esterno, ma non va escluso l'arrivo di un difensore last-minute per completare il pacchetto dei centrali.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.