Benevento, numeri e un gran gol: Ciciretti si presenta alla Serie A

Il numero 10 è stato il migliore dei suoi nella partita contro la Sampdoria. Dopo anni di gavetta, l'esterno scuola Roma si è mette subito in mostra al debutto in A.

Benevento, debutto con gol in Serie A per Ciciretti

1k condivisioni 41 commenti 5 stelle

di

Share

Nonostante il debutto del Benevento in Serie A sia terminato con una sconfitta, la squadra campana ha decisamente ben figurato nella partita di Marassi persa per 2-1 contro la Sampdoria. I ragazzi di Baroni hanno giocato con grande carattere, dimostrando di non avere la tremarella dovuta al grande salto e a risaltare su tutti è stato il numero 10 delle Streghe, Amato Ciciretti.

Oltre al bellissimo gol con cui ha portato in vantaggio i suoi, l’esterno scuola Roma si è reso protagonista di una prestazione in cui ha unito grande qualità alla solita, incredibile intensità agonistica che l’ha reso un idolo dei suoi tifosi dopo la bellissima stagione dell’anno scorso nel campionato di B.

I tifosi del Benevento non saranno certamente sorpresi nel vedere Ciciretti farsi valere anche in Serie A: dopo anni di gavetta, il classe ’93 ha trovato in Campania l’ambiente ideale e dopo essere stato uno degli artefici delle due promozioni consecutive dei giallorossi, ha intenzione di mettersi in mostra anche nel palcoscenico più alto del calcio italiano.

Benevento, grande debutto in Serie A per Ciciretti

Amato Ciciretti
Ciciretti con la maglia del Benevento

Scoperto da Bruno Conti a soli 11 anni nelle giovanili della Lazio, Ciciretti incomincia a mettersi in mostra nella Primavera della Roma. Le esperienze in prestito fra Carrarese, L’Aquila e Pistoiese non sono però positive e soltanto al Messina riesce a trovare continuità di rendimento. È fra le fila del Benevento, dove sbarca a titolo definitivo, che il fantasista romano comincia a dar prova del suo talento, diventando titolare fisso e segnando anche 14 reti in 67 presenze.

Le caratteristiche tecniche lo rendono il più classico dei fantasisti: brevilineo, veloce nello stretto e con un sinistro educatissimo, è capace di giocare sia da trequartista che sulla fascia, che è il ruolo in cui lo schiera Baroni nel suo 4-4-2.  Brillante in campo quanto estroverso fuori, Ciciretti è amatissimo da tifosi e compagni per il suo carattere spigliato, messo più volte in mostra sui social network. In particolare è diventato famoso il modo in cui è sbarcato su Twitter, promettendo ai suoi follower che se il suo primo messaggio fosse stato retwittato almeno 500 volte, si sarebbe tatuato il logo del social. Promessa che è stata ovviamente mantenuta.

Fra i suoi quaranta tatuaggi però, quello a cui è più legato è quello dello Scudetto primavera vinto con la sua amata Roma nel 2011, nella quale militavano altri giocatori ormai noti come Florenzi, Politano, Viviani, Caprari e Antei. Dopo anni di gavetta, è arrivato anche il momento di Ciciretti di mettersi in mostra in Serie A e il classe ’93 ha voglia di fare nuovamente la storia del Benevento, provando a portarlo a una salvezza che sarebbe storica tanto quanto le due promozioni degli ultimi due anni.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.