Gerrard attacca Özil: "Non è un buon compagno, è una zavorra!"

La leggenda dei Reds polemizza contro Özil in seguito al k.o. dei Gunners sul campo dello Stoke City: "È un giocatore irresponsabile".

Özil durante Stoke City - Arsenal

1k condivisioni 35 commenti 5 stelle

di

Share

Steven Gerrard, una volta appese le scarpette al chiodo, è diventato opinionista della Premier League. L’ex Liverpool nel weekend ha parlato senza peli sulla lingua della prestazione negativa di Özil contro lo Stoke City.

L'inglese ha consigliato al giocatore dell'Arsenal di applicarsi di più in trasferta perché, secondo lui, è da sempre uno dei peggiori in campo nelle partite lontano dall’Emirates.

I Gunners sono stati battuti dai Potters al Bet365 Stadium, decisivo il gol di Jesé Rodriguez al debutto in Premier League, rimediando la prima sconfitta stagionale. Il calciatore tedesco è chiamato al riscatto già nella prossima sfida di campionato dell'Arsenal, tra sette giorni ad Anfield contro il Liverpool di Klopp.

Ozil Arsenal Stoke

Gerrard polemico: "Özil non sa fare le due fasi"

La leggenda dei Reds nello studio di BT Sport ha detto di Özil:

La sua prestazione mi lascia frustrato. È un giocatore di classe mondiale ma non sa affrontare le due fasi di gioco. I top player fanno entrambe le cose: quando perdono palla aiutano i propri compagni mentre è chiaro che lui non sa cosa fare.

Un vero e proprio attacco da parte di Gerrard che ha rincarato la dose aggiungendo:

Le uniche cose che sa fare sono con il pallone tra i piedi quando prova a creare occasioni. Quando il possesso è gestito dagli avversari non è un buon compagno di squadra. Nelle partite in trasferta è una zavorra, le sue prestazioni spesso sono insufficienti. Mi preoccupa il suo linguaggio del corpo. Wenger deve dargli una raddrizzata.

Ad avvalorare la tesi di Gerrard ci ha pensato Martin Keown, ex difensore dell’Arsenal, che nel suo intervento ha definito Özil “un giocatore meccanico”:

I Gunners non hanno bisogno di un giocatore come lui. Le stelle del passato come Bergkamp, Henry e Viera davano tutto in campo, e aiutavano spesso i compagni in difficoltà.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.