Serie A, la Juventus vince al debutto: 3-0 al Cagliari

Apre Mandzukic, raddoppia Dybala e nella ripresa Higuain chiude i conti. Buffon sull'1-0 respinge a Farias il primo storico rigore assegnato col VAR.

Dybala

444 condivisioni 28 commenti 5 stelle

di

Share

Non è mancato nulla, o quasi, nel match d'apertura della Serie A 2017/2018. Tra prodezze e il primo storico rigore assegnato col VAR - e parato da Buffon - gli spettatori dell'Allianz Stadium non si sono annoiati. I campioni d'Italia in carica della Juventus hanno superato 3-0 il Cagliari di Rastelli e hanno risollevato la testa dopo la sconfitta subita in Supercoppa Italiana contro la Lazio. 

Nel primo tempo la Juve è passata in vantaggio grazie al destro al volo di Mandzukic, ultimo marcatore bianconero della passata stagione. Ma se nella finale di Champions League contro il Real Madrid la sua prodezza era risultata vana, stavolta ha spianato la strada ai suoi verso il primo successo in questa Serie A. Allegri sa che la forma fisica migliore è ancora distante, ma intanto i suoi hanno ascoltato il suo monito e hanno dimostrato quell'umiltà tanto richiesta in conferenza stampa. 

Si è vista soprattutto nella prima frazione, mentre i sardi si rendevano pericolosi e sfioravano il pari con Faragò - incredibile errore a porta vuota - e con Farias. Il brasiliano ha sbagliato il primo rigore assegnato dal Video Assistant Referee. L'arbitro Maresca se n'è servito per valutare il contatto tra Alex Sandro e Cop, inizialmente non sanzionato. Col supporto della tecnologia ha invece potuto tornare sui suoi passi e assegnare giustamente il penalty poi neutralizzato da Buffon. Il portierone della Nazionale ha parato due degli ultimi tre rigori che gli sono stati calciati contro. 

Serie A, la Juventus cala il tris contro il Cagliari

A smorzare la pressione del Cagliari sul finire del primo tempo ci ha pensato Dybala. Servito da un assist visionario di Pjanic, l'argentino ha controllato col petto e col mancino ha gonfiato la rete. Ha rischiato di fare il bis a inizio ripresa con un altro sinistro magico infrantosi però sulla traversa.

La Vecchia Signora ha controllato e gestito il pallone, prima di trovare il tris con Higuain. Il Pipita, tra i meno in forma visti in campo, ha superato Cragno con un mancino a incrociare e ha ritrovato il sorriso. 

Nel finale di partita c'è stato spazio per le standing ovation dei nuovi arrivati Matuidi e Douglas Costa, sicuri protagonisti del campionato appena iniziato. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.