Bundesliga, l'incredibile record del Bochum e di Rein van Duijnhoven

Van Duijnhoven è entrato nella storia della Bundesliga mantenendo involata la porta del Bochum per 9 partite casalinghe di fila. Ma c'è un gol annullato al Bayern...

Rein van Duijnhoven è entrato nella leggenda della Bundesliga con il Bochum

273 condivisioni 0 commenti 4 stelle

di

Share

Uno sconosciuto, che però detiene uno dei record più intriganti della storia della Bundesliga. Anche così si entra nella leggenda. Perché per un Lewandowski o per un Neuer i record sono all’ordine del giorno. Le storie veramente belle nel calcio sono quelle che nessuno si aspetta, un po’ come quella di Rein van Duijnhoven.

Portiere olandese classe 1967 non ha una carriera particolarmente altisonante alle spalle. Ma vanta uno strepitoso record in Bundesliga. Uno di quelli che sarà difficile da strappargli. E lo ha ottenuto con il Bochum, quindi in condizioni davvero sfavorevoli.

È il 14 febbraio del 2004, quando Rein van Duijnhoven e il suo Bochum affrontano il Bayern Monaco. La partita finisce 1-0 ed entra nella storia. Del club, ma anche della Bundesliga. E proprio nel recupero stava per svanire tutto. Perché Brazzo Salihamidzic, in pieno recupero, aveva segnato il gol dell’1-1, che venne però annullato per un fuorigioco inesistente.

Rein van Duijnhoven
Rein van Duijnhoven insanguinato

Bundesliga, l’incredibile record di Rein van Duijnhoven e del Bochum

Ma perché quel gol di Brazzo, se convalidato, avrebbe cambiato la storia della Bundesliga? La storia comincia mesi prima di quella sfida, più precisamente il 4 ottobre del 2003. Il Bochum quel giorno riuscì a vincere in casa contro il Kaiserslautern per 4-0. Fu la prima di una lunga, lunghissima serie di vittorie casalinghe del Bochum. Tutte senza subire rete.

Vota anche tu!

Il Bayern Monaco vincerà ancora la Bundesliga?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Vennero battute, nell’ordine, il Borussia Dortmund (3-0), il Colonia (4-0), l’Eintracht di Francoforte (1-0) e il Wolfsburg (1-0), alle quali va aggiunto il pareggio per 0-0 contro lo Stoccarda. La settima partita era quella del record, e andava giocata contro il Bayern Monaco. Nei giorni precedenti alla gara Rein van Duijnhoven si ruppe il dito medio. Era in dubbio per la sfida, era in dubbio il suo record di imbattibilità. Alla fine decise d giocare lo stesso, pur non stando in buone condizioni fisiche. E col gol annullato a Brazzo al 90’ mantenne ancora una volta la porta inviolata.

Vota anche tu!

Nagelsmann farebbe bene in Italia?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Anche nelle partite successive a quella col Bayern Monaco il Bochum restò imperforabile. 0-0 con l’Hansa Rostock, 1-0 con il Borussia Moenchengladbach. Salì quindi a nove partite casalinghe di fila senza aver incassato neanche un gol. Per distacco un record del campionato tedesco. Quello precedente era infatti di Norbert Nigbur, dello Schalke, che nel 1974-75 restò senza subire reti per 845 minuti. Van Duijnhoven al Ruhrstadion è invece rimasto imbattuto per 911 minuti. Dal 4 ottobre 2003 al 14 marzo 2004. Quando, nella gara contro lo Schalke, venne perforato da Thomas Kläsener, curiosamente al suo primo gol in Bundesliga. Quell’anno grazie a lui il Bochum arrivò fino al quinto posto e alla qualificazione all’Europa League. Van Duijnhoven vinse il premio come miglior portiere, arrivando davanti anche a Kahn. Ma se lo meritava, perché era entrato nella storia. Era sì uno sconosciuto, che però detiene uno dei record più intriganti dell’intera Bundesliga.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.